Bper, Montani: 'Focus su filiali ma se coinvolti in m&a non ci sottrarremo' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Bper, Montani: 'Focus su filiali ma se coinvolti in m&a non ci sottrarremo'

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Al momento la priorità di Bper resta "l'integrazione del ramo di filiali, che è l'asset più importante che abbiamo oggi" ma "chiaramente potremmo essere coinvolti nel processo di m&a e nel caso non ci sottrarremmo. Se l'operazione è nell'interesse di banca e soci, noi siamo perfettamente in grado di poterla

affrontare". Lo ha detto Piero Luigi Montani, ad di Bper, in conference call con gli analisti. "Non stiamo pensando ad altre operazioni ora, ma il mercato va avanti, valuteremo le opzioni e potremmo essere coinvolti. Nel caso - ha ribadito - valuteremo la convenienza per gli azionisti". 

"Di banche - sottolinea - non ne sono rimaste molte. Di grosse ci sono Unicredit e Intesa, di banche delle nostre dimensioni c'è rimasta Popolare di Sondrio, Banca Carige, Banco Bpm e Mps. E' probabile che ci siano aggregazioni in questo scenario, però le banche sono rimaste poche", dice l'ad. 

A un'altra domanda sull'argomento di un analista, Montani ha chiarito che in banca "siamo perfettamente consci che ci sarà un'integrazione e potremmo anche essere interessati però oggi la banca sta lavorando con 18mila dipendenti e più di mille sportelli. Per cui anche nello scenario remoto in cui dovessimo restare da soli saremo nelle condizioni di poter reggere sul mercato e produrre un utile e dare soddisfazione gli azionisti. Non sono convinto che le banche scapperanno e ci sarà sempre un'opportunità di un'aggregazione interessante", conclude.