Banca Generali, Seghizzi: "Agenda Onu 2030 nel nostro dna" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Dom, Ott

Banca Generali, Seghizzi: "Agenda Onu 2030 nel nostro dna"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“L’agenda Onu 2030 è fondamentale per tutti noi, è una sfida e un obiettivo di lungo termine che coincide con gli obiettivi di lungo termine delle istituzioni. Lo vediamo nel PNRR da parte del governo, sono tutte linee guida che vanno a indirizzare gli investimenti verso un futuro sostenibile. L’agenda Onu 2030

è nel dna di Banca Generali. Da un paio di anni abbiamo inserito nel nostro modello di consulenza la possibilità e l’opportunità di valutare una diversificazione dei propri risparmi guardando anche a singole soluzioni che tocchino gli SDGs dell’Onu a seconda della sensibilità della gente”. 

Così Michele Seghizzi, Direttore Marketing e Relazioni Esterne di Banca Generali, a margine della presentazione di “BG4SDGs – Time to Change”, il progetto fotografico dedicato a esplorare il mondo della sostenibilità attraverso la matrice universale dei 17 SDGs che compongono l’Agenda Onu 2030. 

“Ci siamo domandati internamente come sensibilizzare le persone su questo tema – prosegue Seghizzi – Abbiamo individuato una persona come Stefano Guindani, un artista di grande sensibilità sociale, con lui siamo andati oltre l’ovvietà di certe immagini didascaliche riuscendo comunque a toccare l’anima anche in chiave propositiva e positiva sulla capacità dell’uomo di innovare e contribuire a un futuro sostenibile”.