Manfredi a Manageritalia: "Nei primi 100 riorganizziamo comune e partecipate" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Mer, Ott

Manfredi a Manageritalia: "Nei primi 100 riorganizziamo comune e partecipate"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“La precondizione per il rilancio della città è la riorganizzazione dell’amministrazione del comune e delle società partecipate. E questo va fatto nei primi cento giorni guardando prima di tutto alle competenze. Serve un nuovo modello organizzativo che guardi al futuro, certo considerando e misurando anche le

performance”. Lo ha stamattina Gaetano Manfredi è intervenuto al secondo degli incontri di Manageritalia Campania con i candidati sindaci alla città di Napoli. Il tema amministrativo, gestionale e di visone e competenza manageriale al centro dell’incontro.  

“Io credo molto – ha continuato Manfredi – in una organizzazione amministrativa efficiente e, come ho fatto all’Università, voglio partire da qui. Dobbiamo separare la gestione politica da quella amministrativa e scegliere il management sulle competenze, solo a seguire può eventualmente esserci appartenenza. Questo è il momento di investire sulla città e questa deve essere una sfida collettiva che ci prendiamo in tanti o meglio tutti”. 

Ad una domanda specifica sul calcio, del coordinatore Antonio Corbo, Manfredi ha detto: ”Sono stato a pranzo mesi fa con il presidente De Laurentiis e penso che l’amministrazione comunale abbia il dovere di far scegliere alla società Napoli Calcio dove va messo lo stadio. Importante è che collaborando facciamo dello stadio di Napoli e della sua prestigiosa squadra un punto di attrazione a livello internazionale, come già succede per altre squadre e città come Barcellona, Madrid…”.  

 

“Tutti si devono mettere a disposizione di un progetto comune e condiviso – ha detto Ciro Turiello, presidente Manageritalia Campania – e tra politica e management della macchina comunale e delle società partecipate serve in questo senso una fortissima reciprocità avendo come scopo il bene della città. I manager pubblici e privati e l’organizzazione che guido sono pronti a collaborare e mettere le loro competenze e anche il cuore, dentro e fuori le aziende a favore del territorio e della società. Negli anni abbiamo collaborato sul territorio con tanti mettendo le competenze dei nostri manager al servizio disinteressato di giovani, onlus, amministrazione… Questo vogliamo farlo ancora e ancor più con la prossima amministrazione”.  

“Vogliamo collaborare allo sviluppo della città, del territorio e del Sud lavorando insieme alla nuova amministrazione e a tutte le istituzioni – ha detto Antonella Portalupi, vicepresidente Manageritalia – per aumentare la managerialità nel sistema economico, precondizione per uno sviluppo strutturale e sostenibile. Il nostro impegno vuole continuare e rafforzarsi, come organizzazione che rappresenta i manager e mette il loro valore a favore della collettività, anche collaborando alla messa a terra di quella grande opportunità che è il Pnrr”.  

L’incontro, moderato dal giornalista Antonio Corbo, è stato seguito in streaming da un folto pubblico ed è visibile sui seguenti canali: Youtube: https://www.youtube.com/user/Manageritalia1, Facebook https://www.facebook.com/Manageritalia/ I prossimi appuntamenti, trasmessi sempre in diretta sui canali Manageritalia, saranno con Alessandra Clemente (22 settembre ore 19.15) e Antonio Bassolino (29 settembre ore 16.30).