Nucleare, Arera: "Italia non può più permettersi di accumulare ritardi su decommissioning" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Nucleare, Arera: "Italia non può più permettersi di accumulare ritardi su decommissioning"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L’Italia non può più permettersi di accumulare ritardi": "il decommissioning e l’individuazione del sito per la realizzazione di un deposito nazionale di rifiuti radioattivi (finalmente avviatosi in questi mesi dopo anni di ritardi e titubanze) non possono aspettare". Ad affermarlo è il presidente dell'Arera,

Stefano Besseghini nel corso della sua relazione annuale alla Camera sullo Stato di servizi e sull'attività svolta dall'Autorità. 

"Perdere tempo - sottolinea - significherebbe caricare le future generazioni di costi economici e ambientali inaccettabili. L’Autorità grazie anche al supporto del Nucleo speciale beni e servizi della Guardia di Finanza è impegnata a vigilare sui costi e la nuova regolazione prevede l’attivazione di meccanismi di salvaguardia a tutela dei clienti finali per evitare che eventuali nuovi ritardi abbiano un effetto in bolletta".