Made in Italy, a 4 aziende i Premi Leonardo Qualità Italia - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Ott

Made in Italy, a 4 aziende i Premi Leonardo Qualità Italia

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Tornano i Premi Leonardo al talento delle imprese italiane, consegnati oggi nel corso di una cerimonia che si è tenuta alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. I Premi Leonardo Qualità Italia 2019, che premiano qualità, innovazione e vocazione all’export, sono stati assegnati a 4 eccellenze

made in Italy di diversi settori industriali. 

I premiati sono: Allegrini (Socio Amministratore Marilisa Allegrini), azienda familiare dedita alla produzione del vino da generazioni ed impegnata in prima linea nella valorizzazione e promozione della Valpolicella; Avio (Amministratore delegato Giulio Ranzo), gruppo internazionale leader nel settore dei lanciatori spaziali, nella propulsione e nel trasporto spaziale; Fabbri 1905 (Amministratore delegato Nicola Fabbri), holding familiare alla quinta generazione, nota in tutto il mondo per la sua amarena, produce e distribuisce oltre 1.300 prodotti tra liquori, sciroppi e ingredienti per il gelato e la pasticceria artigianali; Flou (Presidente e Ad Massimiliano Messina), leader internazionale nella produzione di letti e arredi di design per il living. 

Il Premio Leonardo International 2019 è stato conferito a Beda Bolzenius, presidente e ad Marelli, che, attraverso la propria attività di manager, con l’investimento in Magneti Marelli e la creazione del Brand globale Marelli, ha contribuito a rafforzare i rapporti di collaborazione economica e commerciale tra le imprese italiane e giapponesi, rappresentando uno straordinario esempio di come gli investitori stranieri possano contribuire a rafforzare la competitività e la capacità di innovazione dell’industria italiana.