Fondazione Med-Or, firmato accordo collaborazione con Libano
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Sab, Ago

Fondazione Med-Or, firmato accordo collaborazione con Libano

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - La Fondazione Med-Or ha sottoscritto un Memorandum of Understanding con la Repubblica del Libano, in particolare con il Ministero degli Esteri e degli Emigrati della Repubblica Libanese. L’accordo è stato sottoscritto presso la sede della Fondazione a Roma nella giornata di oggi dal Presidente di Med-Or Marco

Minniti e da S.E. Mira Daher Ambasciatore della Repubblica Libanese in Italia, in rappresentanza delle istituzioni nazionali coinvolte. I punti programmatici del Memorandum riguardano i principali settori in cui la Fondazione Med-Or è impegnata: dalla promozione e l’insegnamento della lingua italiana, al sostegno all’alta formazione, attraverso l’erogazione di borse di studio e corsi di formazione professionale, in diverse materie, presso gli atenei italiani.  

“Con questo accordo Med-Or si impegna ad attivare alcuni dei suoi progetti nei campi della promozione culturale e dell’alta formazione in Libano, che rappresenta per noi un partner importante in un’area strategica come il Vicino Oriente – afferma Marco Minniti, Presidente della Fondazione Med-Or –. Questi ultimi anni sono stati molto difficili per la popolazione libanese, e ci rendiamo conto che il nostro impegno può essere piccola cosa rispetto alle grandi necessità oggi esistenti. Ma per noi, come per l’Italia, il Libano è un paese fondamentale, la cui stabilità e il cui benessere sono elementi fondamentali per la stabilità di tutta la regione mediorientale. Le nostre attività cercheranno di saldare sempre di più i rapporti positivi di cooperazione e scambio tra Italia e Libano e anche di sostenere la formazione di giovani libanesi, che vorranno poi mettersi al servizio della rinascita e del rilancio del proprio paese.” 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.