Brunetta: "Salario minimo e Rdc distruggono il mercato del lavoro"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Ven, Lug

Brunetta: "Salario minimo e Rdc distruggono il mercato del lavoro"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Il salario minimo insieme al reddito di cittadinanza distruggono il mercato del lavoro". Lo afferma il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, intervenendo in video collegamento al Festival del lavoro a Bologna. 

Secondo Brunetta tuttavia il mercato del lavoro non è in crisi. "Ad aprile 2022

abbiamo dei numeri record come occupati, rispetto ad aprile 2021 - sottolinea - abbiamo una crescita di 670mila unità. Questa è una prima risposta ai catastrofisti: non tutto va bene ma quello che il professor e ministro Brunetta dice è che il mercato del lavoro è in grande cambiamento. C'è il Pnrr, ci sono le riforme e tutto questo porta un mercato del lavoro in grande cambiamento. Non è crisi questa", insiste.  

Nella Pubblica amministrazione, rivendica, "abbiamo sbloccato il turn-over, i contratti e i concorsi, implementando con Colao tutta la transizione digitale. Sto realizzando tutto il mio programma. Abbiamo qualche arretratezza ma non dappertutto, abbiamo luci e ombre ma non siamo così arretrati come ci descriviamo noi stessi".  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.