Iran, comandante Pasdaran ammette: "Oltre 300 morti nelle proteste"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
07
Mar, Feb

Iran, comandante Pasdaran ammette: "Oltre 300 morti nelle proteste"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Nelle proteste contro il regime sono morte oltre 300 persone. Lo ha ammesso, nella prima dichiarazione ufficiale da parte di Teheran, il generale Amir Ali Hajizadeh, comandante della divisione aerospaziale dei Guardiani della rivoluzione, secondo cui tra le vittime si contano anche diversi "martiri", intesi come uomini delle

forze di sicurezza.  

Secondo il generale, tra i morti ci sarebbero anche molti iraniani che non erano coinvolti direttamente nelle proteste, iniziate due mesi e mezzo fa, dopo la morte di Masha Amini, arrestata per non aver indossato correttamente il velo e deceduta mentre era sotto custodia. 

La cifra delle vittime ammesse dal regime è comunque di gran lunga più bassa di quella fornita da Human Rights Activists in Iran, secondo cui ci sarebbero 451 morti tra i manifestanti e 60 tra le forze dell'ordine, mentre sarebbero state arrestate oltre 18mila persone. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.