Usa, 11enne afroamericano chiama 911: polizia arriva e gli spara
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Mer, Giu

Usa, 11enne afroamericano chiama 911: polizia arriva e gli spara

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Un undicenne afroamericano è stato ferito all petto da un agente in Mississippi che gli ha sparato dopo che il bambino aveva chiamato il 911 per proteggere la madre durante una lite domestica. La famiglia di Aderrien Murry e la comunità di Indianola ora chiede che l'agente venga licenziato.  

Secondo la ricostruzione del legale della famiglia, l'agente di polizia Greg Capers era arrivato nella casa con la pistola in mano chiedendo a tutti i componenti della famiglia di alzare le mani, anche se la madre Nakala Murry gli aveva detto che non c'erano armi in casa.  

Anche il piccolo Aderrien ha alzato le mani, ma l'agende ha sparato contro di lui colpendolo al petto. "Le sue parole sono state 'perché mi ha sparato, che cosa ho fatto?'", ha raccontato la madre. "Non c'è giustificazione per quello che ha fatto questo agente, Aderrien è stato ad un passo dal perdere la vita per il suo comportamento irresponsabile", ha detto l'avvocato.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.