Ucraina, droni di Kiev su Mosca: stop al traffico aereo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Lun, Giu

Ucraina, droni di Kiev su Mosca: stop al traffico aereo

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Droni di Kiev hanno attaccato Mosca, dove almeno due piattaforme sono state abbattute e la Crimea, dove sono stati sei i droni colpiti dalla difesa aerea russa. Nella capitale il traffico aereo è stato interrotto, con 24

aerei ritardati o dirottati, e nel sud est del Paese, nella regione di Oryol, un incendio si è sviluppato in un deposito di petrolio in seguito a un attacco di Kiev. Un drone è stato abbattuto anche nella regione di Voronezh, rivendica il ministero della Difesa a Mosca e il governatore, Aleksandr Gusec. Nella regione di Tula, un drone si è schiantato sul sito di un centro loitico.  

"Verso l'1:45 (ora locale) del 17 settembre è stato fermato un tentativo del regime di Kiev di effettuare un attacco terroristico con droni contro obiettivi sul territorio della Federazione Russa. Le difese aeree in servizio hanno distrutto un aereo senza pilota. L'equipaggio ucraino si trovava sul territorio del distretto di Istra, nella regione di Mosca", avevano riferito in mattinata dal Ministero e dall'agenzia di stampa russa Tass. Il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin aveva precedentemente riferito che un sistema di difesa aerea aveva respinto un attacco di droni contro Mosca e che finora non erano state segnalate vittime o danni. 

La Russia risponderà intanto al rafforzamento del potenziale militare della Nato nell’Artico con una serie di misure, comprese quelle preventive. Lo ha detto a Ria Novosti l’ambasciatore russo Nikolai Korchunov, sottolineando l’aumento della tensione politico-militare nell’Artico a causa della "linea non costruttiva degli Stati Uniti e dei loro alleati, soprattutto nel contesto dell’operazione speciale russa in Ucraina". Secondo l'ambasciatore, “il percorso verso il rafforzamento del potenziale militare della Nato in questa regione, anche attraverso l’ingresso della Finlandia nell’alleanza e la prevista inclusione della Svezia, indica la prevalenza nella Nato di scenari violenti per garantire la propria sicurezza alle latitudini settentrionali a scapito della sicurezza di altri paesi”. 

Mosca, ha avvertito Korchunov, risponderà a queste sfide e minacce con “una serie di misure necessarie, comprese quelle di natura preventiva, derivanti dai compiti” che Vladimir Putin ha delineato nel quadro del Concetto di politica estera e della strategia per lo sviluppo della zona artica russa. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.