Sparatoria in metropolitana a New York, almeno un morto e 5 feriti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Gio, Feb

Sparatoria in metropolitana a New York, almeno un morto e 5 feriti

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - E' di un morto e cinque feriti il bilancio di una sparatoria avvenuta questa sera in una stazione della metropolitana nel Bronx, secondo quanto riferito da Abc News. La sparatoria è avvenuta sul binario della stazione di

Mount Eden Avenue mentre la gente aspettava il treno 4 in direzione sud. La persona deceduta è morta al St Barnabas Hospital, mentre le altre cinque vittime non sembrerebbero essere in pericolo di vita.  

Tutte le vittime sarebbero adolescenti. A scatenare la sparatoria una rissa cominciata a bordo del treno 4, che si sarebbe poi spostata sulla banchina della stazione di Mount Eden Avenue, fino a quando qualcuno non ha estratto un'arma da fuoco sparando in mezzo alla folla in stazione.  

Le vittime in particolare sarebbero di età compresa tra 12 e 17 anni, a quanto riporta il New York Post, secondo cui la persona deceduta sarebbe una ragazza colpita al volto, morta dopo essere stata portata d'urgenza all'ospedale St. Barnabas. Un'altra vittima è stata colpita a una gamba. Secondo le fonti citate dal Post, testimoni hanno riferito di aver sentito sparare più di 10 colpi di arma da fuoco. 

Ancora nessun sospetto è stato fermato né è stata trovata l'arma che ha sparato. Su twitter NYPD parla di "un'indagine di polizia attiva" e invita a evitare l'area e a utilizzare percorsi alternativi. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.