Vaccino covid, tocca a adulti 40-49 anni: strategia di Londra - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Lun, Lug

Vaccino covid, tocca a adulti 40-49 anni: strategia di Londra

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Saranno gli adulti di età compresa tra i 40 e i 49 anni i prossimi a essere vaccinati contro il coronavirus nel Regno Unito. Questo accadrà quando sarà completata la somministrazione di almeno una dose a tutti i gruppi a rischio indicati nella Fase 1 della campagna messa in campo dal governo di Boris Johnson.

Le vaccinazioni procederanno quindi a comprendere gli altri gruppi di età, prima i 30-39enni e poi con tutti quelli compresi tra 18 e 29 anni. 

La decisione, che testimonia l'efficacia finora dimostrata dalla campagna vaccinale britannica, è frutto dell'analisi del Joint Committee on Vaccination and Immunisation (Jcvi), che ha spiegato come le evidenze scientifiche dimostrino che il modo più efficace per ridurre i decessi e i ricoveri ospedalieri sia proprio quello basato sull'età. Dopo i gruppi 1-9 della Fase 1, le persone di età compresa tra 40 e 49 anni sono quelle più a rischio di ospedalizzazione, mentre il rischio si riduce con l'abbassarsi dell'età degli individui. 

La decisione, riporta il Guardian, rischia di non essere accolta positivamente dai sindacati, che sostengono che i lavoratori in prima linea, come gli insegnanti e le forze dell'ordine debbano essere il prossimo gruppo prioritario per le vaccinazioni anti covid, dopo il completamento dei gruppi più anziani e delle persone a rischio. Anche le organizzazioni per la difesa delle minoranze sostengono che asiatici, neri e appartenenti alle minoranze etniche debbano essere favoriti, perché maggiormente a rischio di contagio. 

Il Jcvi sostiene invece che una campagna di vaccinazione di massa rivolta a categorie di lavoratori sarebbe più complessa da realizzare e rallenterebbe l'andamento della campagna generale, lasciando esposte un numero elevato di persone maggiormente a rischio. I modelli studiati dagli esperti, ha spiegato il comitato, suggeriscono che la rapidità nella somministrazione del vaccino sia il fattore determinante per evitare il rischio di una ripresa massiccia dei contagi. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002