Giornalista ucciso ad Atene, sparati almeno 17 colpi - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Giornalista ucciso ad Atene, sparati almeno 17 colpi

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Si concentra su quanto riferito da due testimoni l'indagine della polizia greca sull'assassinio di Giorgior Karaivaz, il giornalista ucciso ieri in un agguato sotto casa in pieno giorno ad Atene. I due hanno visto fuggire i due killer a bordo di una piccola motocicletta, forse uno scooter. La persona alla guida indossava il casco, quella dietro una giacca militare e aveva la mascherina. Intanto, è stato confermato che è stata usata una pistola, una 9 mm, con un silenziatore. I testimoni hanno detto che il killer ha sparato al giornalista prima dalla moto poi è sceso ed ha continuato a sparare. Sono stati sparati almeno 17 colpi, sette dei quali hanno raggiunto Karaivaz, Si ritiene che i due avessero seguito la vittima dalla redazione della televisione privata per la quale lavorava. 

L'omicidio di Karaivaz è stato condannato dalla presidente della commissione Europea Ursula von der Leyen: "l'assassinio di un giornalista è un atto spregevole e codardo, l'Europa difende la libertà e la libertà di stampa è la più sacra di tutte, i giornalisti dovrebbero lavorare in sicurezza". 

Anche la vice presidente, Vera Jourova, si è detta "profondamente scioccata" dall'assassinio: "Bisogna fare giustizia e garantire la sicurezza dei giornalisti", ha scritto su Twitter. La commissaria del Consiglio d'Europa per i diritti umani, Rights Dunja Mijatovic, si unisce all'appello per un'azione rapida per individuare i responsabili: "l'assassinio di Karaivaz in Grecia ricorda in modo tragico che il giornalismo è una professione pericolosa in Europa".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002