Covid India, oggi 3.915 morti e record contagi: i dati - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Covid India, oggi 3.915 morti e record contagi: i dati

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nuovo record di contagi di coronavirus oggi in India. Secondo le news dell'ultimo bollettino ufficiale, sono 414.188 i nuovi casi di covid-19 accertati nelle ultime 24 ore, con altri 3.915 morti. I casi attivi confermati, riporta il Times of India, sono 3.645.164. Nel gigante asiatico, con una popolazione di oltre 1,3 miliardi di abitanti, sono 21.491.598 i contagi dall'inizio della pandemia e il bilancio dei morti è salito a 234.083 vittime.  

Il principale consigliere scientifico del governo di Nuova Delhi, K VijayRaghavan, ha ammesso che gli esperti non avevano previsto la ''ferocia'' della seconda ondata e ha detto che nel Paese ''è inevitabile una terza ondata'' della pandemia. 

A preoccupare è anche la nuova "variante a doppio mutante" (B.1.617) scoperta per la prima volta a marzo in India e che potrebbe essere responsabile della seconda ondata di decessi in quanto è stata individuata in diversi stati indiani con un numero elevato di casi. Tra questi Maharashtra, Karnataka, Bengala occidentale, Gujarat e Chhattisgarh. 

Intanto si cerca di correre ai ripari. Lo stato del Kerala nel sud dell'India, ad esempio, ha deciso di entrare in lockdown completo dall'8 al 16 maggio. Lo ha annunciato il chief minister del Kerala, Pinarayi Vijayan, su Twitter. "La fase tre è inevitabile, visto l'alto tasso di circolazione del virus", ha aggiunto K VijayRaghavan durante una conferenza stampa. "Ma non è chiaro quando si verificherà questa fase tre. Dobbiamo prepararci a nuove ondate", ha aggiunto. 

L'Italia ha confermato il divieto agli ingressi dall'India fino al 30 maggio. La variante indiana ha determinato la proroga dell'ordinanza con lo stop che riguarda anche Sri Lanka e Bangladesh, fatta eccezione per i cittadini italiani.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002