Israele-Hamas, ancora razzi e raid - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Israele-Hamas, ancora razzi e raid

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Non si ferma lo scontro tra Israele e Hamas. Il 'Jerusalem Post' riporta un bilancio di almeno cinque israeliani morti dopo le centinaia di razzi lanciati dalla Striscia di Gaza in direzione di Israele, che a sua volta ha colpito obiettivi nell'enclave palestinese. Secondo il ministero della Salute di Gaza, da lunedì sono almeno 43 i

morti, compresi 13 minori. Secondo il bollettino rilanciato dal giornale israeliano Haaretz, sono 269 i feriti. 

Due missili anticarro sono stati lanciati dal nord della Striscia verso un obiettivo all'interno di Israele, uno dei quali ha colpito una jeep al confine. Secondo il servizio di ambulanza di Magen David Adom, il missile ha causato il ferimento di due persone, di cui una in modo grave. Per il lancio di un secondo missile anticarro verso Israele, al momento non è chiaro se ci siano feriti. Le autorità israeliane hanno detto agli abitanti palestinesi delle zone al confine tra Israele e Gaza di restare in casa. 

Dall'inizio dell'escalation lunedì sera sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza in direzione di Israele oltre 1.050 razzi e colpi di mortaio, 200 dei quali sono caduti all'interno dell'enclave palestinese. Lo hanno reso noto le forze israeliane (Idf), come riporta il 'Times of Israel'. Nella Striscia di Gaza le Idf hanno fatto sapere di aver attaccato circa 500 obiettivi per colpire personale, armamenti e infrastrutture di Hamas. 

Altri due capi militari di Hamas sono stati uccisi nelle operazioni israeliane delle ultime ore: le forze Idf hanno confermato su Twitter di aver "neutralizzato figure di spicco dell'intelligence di Hamas: Hassan Kaogi, capo del dipartimento di sicurezza dell'intelligence militare di Hamas, e il suo vice, Wail Issa, capo del dipartimento di controspionaggio dell'intelligence militare". Il Jerusalem Post sottolinea come Wail Issa sia il fratello di Marwan Issa, numero due dell'ala militare di Hamas. E il sistema Iron Dome ha "intercettato un drone di Hamas" entrato nello spazio aereo di Israele da Gaza, riportano su Twitter le forze israeliane, ribandendo che non tollereranno "violazioni della sovranità israeliana".  

Raid Israele hanno distrutto edifici polizia a Gaza  

Attacchi di jet israeliani nella Striscia di Gaza hanno distrutto strutture di polizia nell'enclave palestinese, scrive l'agenzia Dpa che cita un portavoce del ministero degli Interni di Gaza controllato da Hamas. Notizie riportate dal 'Times of Israel', che citano testimoni, riferiscono di operazioni condotte alle prime ore dall'aviazione israeliana nella Striscia di Gaza con la distruzione di decine di obiettivi della polizia e della sicurezza. 

Nuovi disordini si sono registrati anche sulla Spianata delle Moschee: il 'Jerusalem Post' scrive di scontri e dell'arresto da parte della polizia israeliana di sette persone dopo il lancio di pietre, sassi e altri oggetti contro gli agenti. Secondo il giornale, nell'area è poi tornata la calma. 

Inoltre, un palestinese è morto in scontri con i militari israeliani in Cisgiordania. Lo scrive l'agenzia Wafa, secondo cui nel campo profughi di Fawwar, nei pressi di Hebron, ci sono stati scontri tra palestinesi e forze israeliane. Stando all'agenzia, che cita le autorità sanitarie locali, la vittima è un 26enne e altre tre persone sono rimaste ferite. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002