Clima, Di Maio: "Leadership Italia e Usa su transizione ecologica" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Dom, Giu

Clima, Di Maio: "Leadership Italia e Usa su transizione ecologica"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Siamo in un momento storico fondamentale per la salvaguardia del pianeta, Italia e Stati Uniti sono chiamati ad esercitare un ruolo di leadership per convincere i nostri partner che la transizione energetica e la lotta per la salvaguardia del pianeta sono un vantaggio e una grande opportunità per tutta la Comunità internazionale". Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio dopo l'incontro alla Farnesina con l'inviato degli Stati Uniti per il clima John Kerry. 

alternate text

 

"In qualità di presidente di turno del G20, l’Italia è fortemente impegnata a mantenere i temi del clima e dell’energia al centro dell’agenda internazionale e a promuovere un nuovo e più ampio concetto di sicurezza energetica - ha assicurato Di Maio -. La riunione ministeriale Energia-Clima, che ospiteremo il 23 luglio a Napoli, sarà una prima assoluta nella storia del G20". 

In giornata, anche uno scambio di doni alla Farnesina tra il ministro Di Maio e Kerry: il titolare degli Esteri, a quanto si apprende, ha regalato a Kerry una cravatta Made in Italy - "una delle nostre eccellenze" ha detto Di Maio - e Kerry ha donato al ministro un libro con dedica. 

"Oggi è stato un piacere ricevere al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale l'inviato speciale per il clima del Presidente Biden, John Kerry" scrive di Maio su Facebook aggiungendo che "prima di andar via, ho regalato all’amico Kerry un po’ di Italia, una cravatta Made in Italy, perché le nostre eccellenze oltre ad essere leader mondiali sono motivo d’orgoglio per tutti noi". 

Il ministro degli Esteri spiega poi che nel suo incontro con l'ex segretario di Stato Usa si è "discusso di transizione ecologica, una importante sfida che il mondo intero ha davanti e che Italia e Usa stanno affrontando con il massimo impegno. Una sfida - prosegue - che significa creare posti di lavoro, un nuovo concetto di fare impresa, nuovi modelli economici". 

"Abbiamo la possibilità - conclude - di rendere il nostro Paese sempre meno inquinato e aumentare le opportunità di sviluppo. Se sfruttiamo questa occasione, con una visione innovativa e davvero sostenibile, potremo finalmente invertire la tendenza che ha portato a considerare l'ambiente un nemico da combattere, invece che un alleato da proteggere. E questa sfida la possiamo vincere solamente unendo le forze a livello globale. L’Italia c’è e fa la sua parte". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002