"Variante indiana in Inghilterra, nuovo aumento contagi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Set

"Variante indiana in Inghilterra, nuovo aumento contagi"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La variante indiana in Inghilterra sta facendo di nuovo aumentare i contagi di coronavirus, anche tra i vaccinati con una sola dose. A lanciare l'allarme è Roberto Burioni in un post su Twitter: "La situazione in Uk sta peggiorando, a causa della variante 'indiana' che si diffonde con particolare intensità tra i non vaccinati e i vaccinati con una sola dose (pessima idea).

Fortunatamente l'efficacia della vaccinazione completa (mRna) sembra mantenuta", scrive il docente dell'università Vita-Salute San Raffaele di Milano, che pubblica anche i dati sull'aumento del 48% dalla scorsa settimana dei nuovi casi di coronavirus nel Regno Unito.  

La preoccupazione di Burioni è condivisa da altri esperti in Italia, a cominciare da Maria Rita Gismondo. "Attenzione a quello che sta succedendo in Inghilterra, dove stanno nuovamente aumentando i contagi dovuti alla variante indiana", dice all'Adnkronos Salute la direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell'ospedale Sacco di Milano, secondo cui questa è la riprova del fatto che "il nostro futuro è ancora incerto".  

Se alcuni già prospettano un'immunità di gregge raggiungibile a breve, secondo la scienziata "con gli attuali vaccini non si può parlare di immunità di gregge", perché non è questo lo scopo che si prefiggono: "Confidiamo nell'attività dei vaccini - precisa Gismondo - perché grazie ai vaccini saremo certi di poter proteggere da forme gravi di Covid-19 grave i fragili: l'obiettivo è questo", ma "il virus continuerà a circolare. Ovviamente, più si vaccina, meno circola e meno muta". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002