Covid, nuova variante in Vietnam: cosa sappiamo finora - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Set

Covid, nuova variante in Vietnam: cosa sappiamo finora

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Dal Vietnam è arrivato l'allarme per una nuova variante Covid, che combina caratteristiche di quella indiana e di quella inglese. Lo ha dichiarato il ministro della Salute vietnamita, Nguyen Thanh Long, spiegando che la nuova variante, ''un mix tra quella indiana e quella britannica'', ha come caratteristica principale quella di

diffondersi rapidamente attraverso l'aria e di essere molto più trasmissibile rispetto alle precedenti. ''In modo più specifico, si tratta della variante indiana con mutazioni che originariamente appartenevano alla variante del Regno Unito", ha detto il ministro vietnamita. Il Paese del sud-est asiatico ha registrato finora 6.396 casi di coronavirus e 47 morti per complicanze. La nuova variante sarebbe all'origine della rapida diffusione del Covid-19 dalla fine di aprile, quando 3.600 persone sono state contagiate in 31 delle 63 città. 

"Un destino quello di dover far fronte a varianti" del coronavirus pandemico, ha detto all'Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università Statale di Milano. Questa variante 'mix' "getta qualche ombra anche rispetto a quanto stiamo osservando in Inghilterra, una velocità di risalita della curva". Per ora però niente allarmismo: "Al momento questa variante è importante averla individuata, avere acquisito la capacità". Il fatto che il patogeno responsabile di Covid-19 continui a presentarsi in forme sempre nuove, secondo il virologo "ci deve dire solo una cosa: proseguiamo su questa autostrada che speriamo sia diretta verso una nuova normalità, premendo 'a tavoletta' sull'acceleratore delle vaccinazioni, ma controllando la velocità nelle riaperture. Progressione e gradualità", ha ribadito Pregliasco.  

"Le varianti ci saranno sempre. Più le cerchiamo, più le troveremo". E la nuova variante del Vietnam che appare come un mix tra quella indiana e quella britannica "non è la prima né sarà l'ultima. Dobbiamo continuare con quello che stiamo facendo. Abbiamo vaccini che funzionano bene anche con le varianti e dobbiamo vigilare attentamente. Si tratta di mutanti che arrivano dall'estero, ma non c'è niente di diverso che dobbiamo fare. E' anche ora di finirla che ogni volta che si trova una variante da una parte recondita del mondo diventa la prima notizia. Sembra un continuo al lupo, al lupo. Ma così poi la gente finisce per non ascoltare" ha detto Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente dell'Unità di crisi Covid-19 della Liguria.  

"E' giusto vigilare - ha affermato l'esperto all'Adnkronos Salute - Ma questi argomenti devono tornare a essere scientifici e trattati da esperti. E' ora di finirla con i discorsi da bar, come se si parlasse di squadre di calcio e le varianti fossero i calciatori che arrivano dall'estero. E' ora di finirla con il terrorismo delle varianti. Anche perché ogni volta che lo abbiamo fatto ci siamo sbagliati. E anche su questa nuova variante, quindi, eviterei di farlo".  

Bisogna invece avere "buonsenso, anche nelle regole che si danno, e ne ho visto poco finora. Gli scienziati scendano dalla luna e vengano sulla terra. Se si dice che al ristorante tra un boccone e l'altro si deve mettere la mascherina - ha osservato l'infettivologo - il rischio è che nessuno le rispetti, queste regole. Invece bisogna fare prescrizioni che possono essere rispettate e seguite. Bisognerebbe azzerare tutto e ripartire con un sistema semplice di regole. O rischiamo di aggrovigliarci su noi stessi e di diventare il Paese che uscirà più tardi dalla pandemia. Quindi, usciamo dalle logiche dei decreti, obblighi e divieti e puntiamo a consapevolizzare la gente. Dobbiamo capire che questa è una nuova fase", ha concluso Bassetti. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002