Uganda, spari contro ministro Trasporti: uccisi figlia e autista - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Set

Uganda, spari contro ministro Trasporti: uccisi figlia e autista

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il ministro dei Trasporti ugandese, Katumba Wamala, è stato ferito oggi dopo essere stato colpito da un proiettile vicino alla sua abitazione nella capitale del Paese, Kampala. L'incidente ha provocato la morte di sua figlia e dell'autista dell'auto sulla quale stava viaggiando.  

Secondo le informazioni raccolte dal quotidiano ugandese 'Daily Monitor', Wamala, che è anche un ex generale dell'esercito ugandese, è stato raggiunto da un colpo arma da fuoco mentre si trovava a bordo di un'auto nel quartiere di Kisaasi. Le fotografie che circolano sui social media mostrano il ministro che cammina con le proprie gambe e con i vestiti macchiati di sangue. Il capo dell'esercito ugandese, David Muhoozi, si è recato sul luogo dell'incidente. 

Lo stesso Wamala ha confermato la morte della figlia in un video pubblicato dall'ospedale. "Sono sopravvissuto. Abbiamo perso Brenda, ma è il piano di Dio", ha detto. "Niente paura, non ho ferite gravi, solo alle braccia", ha detto il ministro, che ha chiesto alla popolazione di pregare per la figlia defunta. In questo senso, la portavoce dell'esercito ugandese, Flavia Byekwaso, ha confermato che il ministro "è fuori pericolo", anche se si è rifiutata di fornire maggiori dettagli, come riportato dal canale televisivo ugandese Ntv. 

(segue) 

Da parte sua, il presidente ugandese, Yoweri Museveni, ha chiamato "maiali" i responsabili dell'attentato ed ha espresso il suo cordoglio alle famiglie delle vittime. "Sconfiggeremo i criminali, come abbiamo fatto in passato", ha detto, in una serie di messaggi pubblicati sul suo account Twitter. "Abbiamo indizi sugli assassini", ha rivelato Museveni, che ha sottolineato che la guardia del corpo del ministro "avrebbe dovuto sparare per uccidere". "Potremmo avere un terrorista morto, invece di spaventare i terroristi", ha aggiunto. 

Museveni ha riconosciuto che la reazione della guardia del corpo "ha salvato Katumba facendo fuggire i criminali". "Tuttavia, uccidere uno o più terroristi avrebbe ottenuto lo stesso risultato e anche di più", ha aggiunto.  

Il Paese africano è stato teatro di diversi attentati simili negli ultimi anni, tra cui l'omicidio di un ex portavoce della polizia e di un politico alleato del presidente, entrambi colpiti da persone non identificate in motocicletta. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002