Iran, presidenziali: "Raisi in testa con 17,8 milioni di voti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Ott

Iran, presidenziali: "Raisi in testa con 17,8 milioni di voti"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Arrivano i primi risultati delle elezioni presidenziali di ieri in Iran. I dati iniziali del ministero degli Interni, riporta l'agenzia Mehr, vedono il capo della magistratura, Ebrahim Raisi, in testa con "17.800.000 voti". Seguono, riferisce l'agenzia, Mohsen Rezaei con "3.300.000 voti", Abdolnaser Hemmati "con 2.400.000" e Ghazizadeh con "un milione" di preferenze. Secondo il ministero, si sono recati alle urne "28.600.000" elettori su oltre 59 milioni di aventi diritto.  

I dati si basano sul conteggio di circa "il 90% dei voti", ha confermato il vice ministro degli Interni, Jamal Orf, come riporta Press Tv.  

"Mi congratulo con il popolo" ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani, annunciando in dichiarazioni diffuse dall'agenzia Irna che gli iraniani hanno eletto il nuovo presidente, dopo le notizie di messaggi di congratulazioni - prima della diffusione dei risultati - arrivati da altri candidati a Ebrahim Raisi, capo della magistratura, 'campione' dei conservatori. "Le mie congratulazioni ufficiali arriveranno più tardi - ha aggiunto, senza indicare il nome del vincitore - ma è chiaro chi è stato eletto". E, ha aggiunto, "se Dio vorrà assumerà la presidenza entro 45 giorni". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002