Maneskin, i sosia nella pubblicità della mozzarella... in Lettonia - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Lun, Ott

Maneskin, i sosia nella pubblicità della mozzarella... in Lettonia

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I Maneskin pubblicizzano una 'quasi mozzarella' in Lettonia? No, però i giovani che compaiono in una pubblicità ricordano da vicino i componenti della band che ha trionfato a Sanremo e all'Eurovision. Se la versione lettone di Damiano David ricorda molto vagamente il frontman del gruppo, più fedeli agli originali sono le copie di Ethan Torchio.

alternate text

 

Victoria De Angelis e Thomas Raggi. L'immagine con i finti Maneskin è stata usata per promuovere e raccontare l’italianità di due tra i prodotti più tipici italiani: la mozzarella e la pizza. Peccato che sia tutto un mega-fake, realizzato ad opera di un'azienda lettone produttrice di formaggi. 

"Tik labi ka italija frormagia mokarellas siers padara visu labaku!.... pat saldetu picu", tradotto: 'La mozzarella Formagia buona come quella italiana rende tutto speciale!....Anche la pizza surgelata', recita infatti il claim della campagna dell'azienda lettone che vede i simil-Maneskin gustare con le mani uno dei simboli mondiali del Made in Italy. 

"E’ l’apoteosi del tarocco pubblicitario - commenta all'Adnkronos Davide Ciliberti spin doctor del gruppo di comunicazione Purple & Noise - Un'immagine che in un colpo solo mistifica la nostra mozzarella, la nostra pizza e la band italiana del momento nel mondo, ovvero i Maneskin, che da un lato possono - magra consolazione - compiacersi di essere davvero un fenomeno internazionale. Talmente di moda persino in Lettonia dove scaltri pubblicitari locali hanno deciso di sfruttare la loro immagine utilizzando dei sosia, cosa che neanche ai Beatles accadde". 

L’utilizzazione di sosia, se volta a richiamare palesemente l’immagine di un noto personaggio a fini promozionali, configura una violazione del diritto allo sfruttamento economico dell’immagine, dovendo così essere necessariamente autorizzata dai legittimi titolari. 

"I Maneskin - commenta l’avvocatessa Margherita Cera, del colosso multinazionale della consulenza legale Rodl & Partner - possono certamente agire per chiedere la rimozione della loro immagine dalla campagna pubblicitaria, nonché il risarcimento del danno per utilizzazione non autorizzata della loro immagine, nell’ambito, tra l’altro, di una pratica commerciale scorretta quale quella dell’ 'italian sounding' che si configura quando produttori stranieri commercializzano beni non Made in Italy facendo credere ai consumatori che siano invece prodotti tipici italiani”. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002