Terrorismo, Ue deferisce Italia a Corte: "Non condivide informazioni" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Gio, Ott

Terrorismo, Ue deferisce Italia a Corte: "Non condivide informazioni"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Commissione Europea ha deciso di deferire l'Italia alla Corte di Giustizia dell'Ue per la mancata condivisione delle informazioni necessarie a combattere il terrorismo e la criminalità internazionale. Malgrado le "ripetute richieste" da parte della Commissione, a tutt'oggi Roma "non permette agli Stati membri di accedere ai dati

relativi al Dna, alle impronte digitali e all'immatricolazione dei veicoli".  

Per la Commissione le regole sulla condivisione delle informazioni tra Stati membri, stabilite dalla cosiddetta decisione di Pruem, sono uno "strumento chiave" per combattere il "terrorismo e la criminalità internazionale". La procedura d'infrazione era in corso da anni: il parere motivato risale al 2017. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002