Choc in Pakistan, "rapita e torturata" la figlia dell'ambasciatore afghano - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mer, Ott

Choc in Pakistan, "rapita e torturata" la figlia dell'ambasciatore afghano

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La figlia dell'ambasciatore afghano in Pakistan, Najibullah Alikhil, è stata rapita e torturata da un gruppo di sconosciuti a Islamabad. Lo ha confermato il ministero degli Esteri di Kabul, invitando il governo pakistano a proteggere la missione diplomatica afghana nel Paese. 

Silsila Alikhil, si legge in una nota, è

stata rapita mentre si stava recando a casa. "Condanniamo quest'atto odioso nei termini più duri e invitiamo il Pakistan ad adottare misure per garantire la sicurezza dei diplomatici e dei loro familiari", ha affermato Kabul.  

Stando al comunicato, Silsila è stata rapita ieri per diverse ore durante le quali è stata "gravemente torturata". La ragazza ora è ricoverata in ospedale e la sua prognosi è riservata, mentre la polizia pakistana ha aperto subito un'inchiesta. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002