Covid, Cdc Usa raccomanda vaccino in gravidanza: "Da dati no rischi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mer, Set

Covid, Cdc Usa raccomanda vaccino in gravidanza: "Da dati no rischi"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La vaccinazione Covid è raccomandata per tutte le persone di età pari o superiore a 12 anni, comprese le donne in gravidanza, che allattano, che stanno cercando un figlio o che potrebbero rimanere incinte in futuro". Lo scrivono con chiarezza i Cdc statunitensi (Centers for Disease Control and Prevention) in un aggiornamento

pubblicato oggi sul sito web. "Le donne in gravidanza e incinte da poco tempo hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente di Covid rispetto alle persone non in attesa" di un bebè. Fare il vaccino, è il messaggio per le future mamme, "può proteggere da malattia grave" da Sars-CoV-2. 

A conferma di quanto raccomandato, i Cdc forniscono un quadro sul fronte sicurezza della vaccinazione con prodotti scudo a mRna: "Un nuovo studio Cdc non ha riscontrato un aumento del rischio di aborto spontaneo dopo la vaccinazione Covid durante l'inizio della gravidanza. Questi risultati possono aiutare a informare le discussioni" tra le donne incinte e i sanitari, sottolinea l'ente.  

I primi dati statunitensi sulla sicurezza della vaccinazione (con Moderna o Pfizer-BioNTech) durante la gravidanza vengono definiti "rassicuranti" dai Cdc. Il rapporto realizzato ha preso in considerazione i dati di tre sistemi di monitoraggio senza riscontrare problemi per le mamme né per i loro bebè. Un altro report ha esaminato le donne in gravidanza arruolate nel registro 'V-safe' vaccinate prima delle 20 settimane di gestazione. Gli scienziati non hanno riscontrato un aumento del rischio di aborto spontaneo da questi dati. Diverse gravidanze sono in corso. Gli esperti continueranno a seguire queste donne. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002