Covid Israele, oggi oltre 8600 contagi: mai così tanti da gennaio - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Covid Israele, oggi oltre 8600 contagi: mai così tanti da gennaio

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nuovo balzo dei contagi di Covid-19 in Israele, dove ieri si sono registrati 8.646 nuovi casi positivi, il dato più alto dalla fine di gennaio. Nei giorni scorsi, i contagi erano rimasti sotto i 6mila. Intanto il numero di malati gravi è salito a 559, il dato più alto da metà marzo, con 89 pazienti attaccati ai

respiratori. I casi attivi sono 55.323. Durante la notte vi sono stati 13 decessi. 

Fra i paesi più attivi nel programma di vaccinazione, Israele è stato travolto dall'aumento dei contagi dovuto alla variante delta. Il ministero della Salute sottolinea che fra i malati ultra sessantenni non vaccinati i casi gravi sono 154,7 ogni 100mila abitanti, mentre per i vaccinati della stessa classe d'età l'incidenza è di 19,8 casi gravi su 100mila.  

Dall'inizio di agosto, Israele ha avviato una campagna per somministrare una terza dose di vaccino agli ultra cinquantenni, persone fragili e personale sanitario. Finora la terza dose ha riguardato un milione di persone. Su 9,3 milioni di abitanti, oltre il 58% ha ricevuto almeno due dosi di vaccino. Secondo il primo ministro Naftali Bennett c'è ancora un milione di persone che non si è vaccinata, pur avendone la possibilità.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002