Afghanistan, Di Maio: "Giudicare Talebani da azioni, non da parole" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Set

Afghanistan, Di Maio: "Giudicare Talebani da azioni, non da parole"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"È importante agire in maniera coordinata nei confronti dei Talebani.  Dobbiamo giudicarli dalle loro azioni, non dalle loro parole. Abbiamo a disposizione qualche leva, sia pur limitata, su di loro come l'isolamento dalla comunità internazionale e la prosecuzione dell'assistenza allo sviluppo fornita finora. Dobbiamo

mantenere una posizione ferma sul rispetto dei diritti umani e delle libertà, e trasmettere messaggi chiari tutti insieme". Lo ha affermato - a quanto si apprende - il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, al G7 straordinario convocato per affrontare l'emergenza in Afghanistan. 

Il titolare della Farnesina ha poi spiegato che "con gli ultimi voli atterrati a Roma sono già arrivati ​​in Italia più di 500 afghani, tra ex collaboratori e famiglie. Il nostro piano è trasferire in Italia circa 2.500 afghani che hanno collaborato negli anni con le istituzioni italiane". "Negli ultimi giorni abbiamo evacuato la maggior parte dei nostri connazionali e parte del personale locale dell'Ambasciata, insieme ad alcuni membri del personale locale della delegazione Ue a Kabul e dell'ufficio Nato", ha spiegato il titolare della Farnesina. "È fondamentale - ha aggiunto - ribadire l'appello per un accesso umanitario pieno, sicuro e senza ostacoli delle organizzazioni internazionali al Paese. La comunità internazionale deve continuare a fornire un'assistenza salvavita fondamentale alla popolazione afghana".  

Per Di Maio è poi "fondamentale mantenere uno stretto coordinamento tra alleati per impostare una strategia condivisa nei confronti della nuova situazione a Kabul. L'Italia, in qualità di Presidente del G20 e Paese in stretto coordinamento con il G7, ha in programma di convocare una riunione ad hoc a livello di leader per promuovere una discussione approfondita tra i membri sull'Afghanistan. Questa fornirà l'opportunità di ampliare il sostegno a un approccio comune". "Il format del G20 ci consentirà di coordinare la nostra posizione con altri importanti partner: Russia, Cina e Turchia", ha aggiunto il titolare della Farnesina.  

Sul fronte umanitario, "tutti ci aspettiamo un numero crescente di richiedenti asilo e migranti dall'Afghanistan. Questo è un problema che non possiamo non affrontare insieme alla comunità internazionale. Dobbiamo definire una politica e una risposta comune in questo senso. Non esistono soluzioni nazionali per un problema di tale portata", ha affermato il ministro degli Esteri. "Per quanto riguarda la cooperazione allo sviluppo, abbiamo sospeso 'de facto' tutte le iniziative bilaterali che coinvolgono le autorità afghane. Siamo invece pronti a contribuire alle iniziative di risposta alle emergenze portate avanti da organizzazioni internazionali", ha aggiunto Di Maio annunciando che "abbiamo già erogato all'Unhcr il primo contributo di 250mia euro per far fronte all'emergenza umanitaria". 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002