Afghanistan, Letta: "Dead line 31 agosto rischia di essere tagliola" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Afghanistan, Letta: "Dead line 31 agosto rischia di essere tagliola"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Bisogna che sia spostata la dead line del 31 agosto per l'evacuazione dall'Afghanistan. Questo è il primo impegno di G7, G20, Nato. E' una data troppo vicina, rischia di essere una tagliola tremenda". Così Enrico Letta, ospite oggi al Meeting di Rimini.  

"Il nostro paese - ha continuato Letta - deve estendere il

metodo con cui stiamo evacuando le persone da lì. Noi siamo il console italiano che prende il bambino e lo porta via. Dobbiamo ottenere dall’Ue i corridoi umanitari, sono fondamentali. L’Italia è un paese di democrazia, accoglienza e solidarietà. Bisogna poi ripensare il ruolo dell’Occidente, non possiamo considerare che da questa sconfitta gravissima non si tragga una lezione. L’Occidente deve ripensare se stesso", ha spiegato il segretario del Pd. 

"Va ripensato il ruolo dell'Occidente, è un elemento essenziale. Dopo questa gravissima sconfitta si tragga una lezione, l'Occidente ripensi sé stesso e questo passa anche dal fatto che l'Italia presiede il G20. Sostegno a Draghi", ha continuato Letta.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002