Afghanistan, "nel Paese 32 italiani che non vogliono tornare" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Set

Afghanistan, "nel Paese 32 italiani che non vogliono tornare"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In Afghanistan "ci sono ancora 32 italiani che non vogliono tornare". Lo ha reso noto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nella sua replica davanti alle commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato. Secondo Di Maio, qualora alcuni di loro dovessero cambiare idea, l'Italia è pronta a rimpatriarli negli ultimi giorni del processo di

evacuazione da Kabul. 

"Nessun diplomatico italiano ha il mandato per parlare con il regime talebano", ha aggiunto il ministro, spiegando inoltre che come Italia, analogamente a quanto successo in passato in Libia, "potremmo decidere di aprire un'ambasciata in un Paese limitrofo oppure lasciare aperta una delegazione europea (a Kabul, ndr), ma è una decisione che dovremmo prendere tutti insieme".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002