Afghanistan, evacuati tutti gli italiani: oggi l'ultimo C-130 - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mer, Set

Afghanistan, evacuati tutti gli italiani: oggi l'ultimo C-130

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Afghanistan e personale italiano in evacuazione, ripartito "l'ultimo C-130 italiano da Kabul sul quale" sono "a bordo sia il console Claudi, l'ambasciatore Pontecorvo ed i militari ed i carabinieri che hanno contribuito alle operazioni di evacuazione". L'imminente partenza era stata annunciata dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nel corso

di un punto stampa congiunto alla Farnesina con il suo omologo russo, Sergei Lavrov. Il titolare della Farnesina ha spiegato quindi che in questi giorni, grazie anche al coordinamento con il ministero della Difesa, sono stati evacuati dall'Afghanistan "tutti gli italiani che volevano rientrare e circa 4.900 cittadini afghani". 

Un "vertice straordinario del G20" sulla crisi in Afghanistan "permetterebbe di rafforzare il coordinamento internazionale" sulle cinque priorità indicate dal governo italiano, ha poi spiegato. Secondo Di Maio, "pesanti incertezze gravano nel futuro" dell'Afghanistan ed il G20 può rappresentare una "fondamentale piattaforma" per favorire una "gestione responsabile" della crisi. 

"Con il ministro Lavrov abbiamo ribadito la nostra volontà di dialogare e collaborare in questa fase estremamente delicata sull'agenda internazionale". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nel corso di un punto stampa congiunto alla Farnesina con il suo omologo russo, Sergei Lavrov. 

"In un contesto che non può che suscitare profonda preoccupazione Mosca è un attore fondamentale per gestire l'attuale situazione di crisi e, in prospettiva, per giungere a un approccio internazionale umanitario", ha dichiarato ancora. 

"Dovremmo vigilare affinché il Paese non torni ad essere un rifugio sicuro per il terrorismo e concordare a livello internazionale una strategia per gestire l'impatto migratorio" dall'Afghanistan e a Lavrov ho sottolineato l'"importanza di giungere a un approccio internazionale unitario perché solo un'azione globale potrà essere efficace nei confronti delle nuove autorità di Kabul"., ha spiegato quindi Di Maio 

L'Italia ha garantito alla Russia che nel G20 dedicato all'Afghanistan, "se questa iniziativa sarà realizzata", saranno invitati anche Pakistan, Iran e altri Paesi direttamente interessati alla crisi ma che non fanno parte del gruppo, ha affermato quindi il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov. La Russia ha sottolineato "la necessità di realizzare un formato inclusivo".  

"Abbiamo ottenuto il sostegno e la promessa dei colleghi italiani che saranno invitati anche questi Paesi se si realizzerà questa iniziativa", ha dichiarato Lavrov, sottolineando che "la priorità della Russia è la sicurezza dei nostri alleati, gli stati a sud della Russia, che sono esposti al pericolo dei confini aperti". 

"La Russia è pronta a rispettare gli accordi che gli Stati Uniti hanno raggiunto con i Talebani", ha affermato ancora il russo, precisando che "bisogna ora capire meglio quale ruolo vedono i nostri partner per la Russia nel G20". La Russia ha mantenuto il dialogo con i rappresentanti dei Talebani, non è solo loro la responsabilità (per quanto sta accadendo, ndr)", ha precisato. 

"È appena partito da Kabul il volo dell’Aeronautica Militare che riporterà in Italia, oltre ai civili afghani, anche il nostro console Tommaso Claudi, l’ambasciatore Pontecorvo e i Carabinieri del Tuscania che erano rimasti ancora sul posto", ha poi annunciato il ministro su Facebook. "Sono state giornate infinite e di grande sacrificio per i nostri diplomatici e militari. Sul campo, fino all’ultimo istante utile, hanno aiutato migliaia di civili afghani, a partire da donne e bambini, a lasciare il Paese, oltre a tutti gli italiani che hanno scelto di tornare a casa", ha scritto Di Maio. 

"Tutti insieme hanno fatto un lavoro immenso, di cuore, e hanno dimostrato di essere una grande squadra che ha messo passione, impegno e altruismo al primo posto", ha proseguito il titolare della Farnesina che ha voluto esprimere "un doveroso ringraziamento al Ministero della Difesa e alla nostra intelligence: hanno lavorato senza sosta anche per proteggere i nostri connazionali ancora a Kabul".  

"Tutto il popolo italiano vi sarà grato per quello che avete fatto. Ogni vostro singolo sforzo ha permesso di salvare vite umane. Siamo orgogliosi di voi. Grazie di tutto, adesso vi aspettiamo in Italia", ha concluso. 

Durante l’incontro di stamattina a Palazzo Chigi, il premier Mario Draghi e il ministro Lavrov hanno parlato anche della situazione in Libia e in particolare della necessità di proseguire con il dialogo politico promosso a Ginevra dalle Nazioni Unite anche in vista delle elezioni di fine dicembre e della necessità di un rapido ritiro delle forze straniere dal Paese. 

Nel corso del colloquio è stato affrontato il ruolo dei diversi fori internazionali, compreso il G20, per discutere le prospettive di soluzione della crisi in Afghanistan.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002