Afghanistan, Cecilia Strada: "Ogni giorno si contano vivi e morti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Sab, Set

Afghanistan, Cecilia Strada: "Ogni giorno si contano vivi e morti"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La situazione in Afghanistan è brutta. Ho notizie di amici ed ex colleghi che sono lì e che per me sono come fratelli e sorelle. Ogni giorno c'è qualcuno che piange un morto. Ogni giorno c'è la conta di chi è morto, di chi è ancora vivo e di chi non risponde al telefono. Però l'ospedale regge".

A dirlo all'Adnkronos è Cecilia Strada, la figlia di Gino Strada, il fondatore di Emergency scomparso il 13 agosto scorso, commentando le notizie che arrivano da Kabul. 

"Ho lasciato Emergency nel 2018 e come organizzazione non posso parlare io" chiosa Strada, però, ricorda, "per anni con Emergency ho raccontato quello che accadeva in Afghanistan. Per anni, anni e anni ci sono stati ospedali pieni, non c'era più posto ma l'Afghanistan non era sui giornali e non commuoveva. Adesso va benissimo commuoversi - fa notare - ma bisognava pensarci prima. La lezione che dovremmo trarre è muoviamoci quando si è ancora in tempo a salvare le persone, senza aspettare che la situazione sia degenerata".  

"Io - premette Cecilia Strada - non voglio fare la morale a nessuno ma gli attentati dei talebani e i bombardamenti della coalizione che spianava case e ospedali con dentro i pazienti c'era anche prima". Per anni, sottolinea Strada, l'Afghanistan è stato "completamente ignorato". "Si preferiva o disinteressarsene perché è un Paese lontano - osserva - oppure raccontare la favola bella di un Afghanistan pacificato, che però non lo era. Un bambino morto è un bambino morto. Lo è ora così come lo era tre anni fa".  

"Quello che forse dobbiamo chiederci - conclude - è se possiamo provare ad essere più attenti a quello che succede nel mondo quando siamo ancora in tempo per cambiare le cose". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002