Covid Gb, Londra ci ripensa: no al Green pass - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Set

Covid Gb, Londra ci ripensa: no al Green pass

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Niente green pass per accedere ai locali e ai grandi eventi in Inghilterra: il progetto di introdurre il passaporto vaccinale è stato cancellato. L'annuncio della marcia indietro del governo di Londra arriva dal responsabile alla Salute, Sajid Javid, alla Bbc. "Non dobbiamo fare le cose solo per il gusto di farlo", ha spiegato. Il piano

avrebbe dovuto essere presentato alla fine del mese. Il governo ha sottolineato che il piano sarà tenuto 'di riserva' nel caso fosse necessario con l'arrivo della stagione fredda. "Non mi è mai piaciuta l'idea di dire alle persone 'mostrate i documenti' per svolgere semplicemente un'attività ordinaria e quotidiana. Abbiamo esaminato la questione, sono felice di dire che non procederemo con il piano per il passaporto vaccinale", aggiunge Javid. 

Il green pass in versione Gb prevede che il cittadino sia vaccinato con 2 dosi, risulti negativo ad un tampone o sia guarito e reduce da isolamento dopo la positività. La frenata del governo è stata accolta con favore in particolare dagli organismo a cui fanno riferimento i settori delle discoteche e dei locali. 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002