Caso Eitan, ministero Esteri Israele: "Non è di nostra competenza" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Caso Eitan, ministero Esteri Israele: "Non è di nostra competenza"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Tragedia della funivia del Mottarone, le autorità israeliane prendono le distanze dalla vicenda del piccolo Eitan, smentendo la ricostruzione dell'emittente Channel 12, secondo la quale il ministero degli Esteri e quello della Giustizia avevano espresso il parere legale che il bambino venisse riportato in Italia e restituito al tutore

legale. Lo riporta il Jerusalem Post, riferendo che entrambi i ministeri negano la circostanza. Un portavoce del ministero degli Esteri ha invece riferito al Jerusalem Post che, pur essendo le autorità israeliane informate della vicenda, il caso non riveste aspetti diplomatici o politici e quindi non rientra tra le loro competenze. 

"Non so quale sarà la decisione, ma Israele rispetta sempre le leggi internazionali. E' quello che posso dire". Lo afferma ad Aki-Adnkronos International l'ex ambasciatore d'Israele in Italia, Avi Pazner, a proposito dell'attivazione della Convenzione dell'Aja sul caso del piccolo Eitan. La Convezione, datata 1980, prevede - nei casi di sottrazione internazionale - di assicurare il ritorno del minore presso il suo tutore legale e il Paese di residenza. 

"Israele fa sempre bene a rispettare la legge internazionale. Non sono un esperto e non voglio esprimere opinioni personali", aggiunge Pazner. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002