Covid, Von der Leyen: "Ue tra leader mondiali nelle vaccinazioni" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Covid, Von der Leyen: "Ue tra leader mondiali nelle vaccinazioni"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Siamo leader nel mondo sui vaccini", l'Unione Europea può essere "orgogliosa" di come ha affrontato, "insieme", la crisi prodotta dalla pandemia di Covid-19 e di come ha deciso di fronteggiare il cambiamento climatico. E' quanto rivendica la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, durante il discorso sullo Stato

dell'Unione, sottolineando che "nella più grande crisi sanitaria del secolo, abbiamo scelto di metterci insieme, in modo che ogni parte d'Europa abbia lo stesso accesso al vaccino salvavita".  

"Quando un anno fa ero di fronte a voi - ha ricordato la presidente - non sapevo quando, né se, avremmo avuto un vaccino sicuro ed efficace contro la Covid-19. Ma oggi, e a dispetto di tutti i critici, l'Europa è tra i leader mondiali". "Oltre il 70% degli adulti sono pienamente vaccinati nell'Ue - ricorda von der Leyen - siamo i soli a dividere la metà della nostra produzione di vaccini con il resto del mondo. Abbiamo consegnato oltre 700 mln di dosi al popolo europeo e altre 700 mln di dosi al resto del mondo, oltre 130 Paesi". "Siamo la sola regione del mondo ad aver raggiunto un risultato simile. Una pandemia è una maratona, non uno scatto. Abbiamo seguito la scienza. Abbiamo fatto le cose nel modo giusto, perché le abbiamo fatte all'europea. E ha funzionato", afferma. 

Adesso, sottolinea, la "priorità" è continuare gli sforzi per vaccinare la popolazione europea contro la Covid-19, facendo "tutto il possibile" per evitare una "pandemia tra i non vaccinati". Nell'Ue, osserva, "vediamo divergenze preoccupanti nei tassi di vaccinazione. Abbiamo 1,8 mld di dosi aggiuntive assicurate. Per noi è abbastanza e anche per il nostro vicinato, quando serviranno i richiami", prosegue. Occorre anche, aggiunge la presidente, "velocizzare la vaccinazione a livello globale. L'Europa sta investendo un miliardo di euro per la capacità di produzione di vaccini a mRna in Africa. Ci siamo già impegnati a condividere 250 mln di dosi. La Commissione aggiungerà una nuova donazione di 200 mln di dosi entro la metà del prossimo anno.  

Von der Leyen quindi continua: "Nella più profonda crisi economica da decenni, abbiamo deciso di agire insieme con Next Generation Eu. E nella più grave crisi planetaria di sempre, abbiamo scelto di procedere insieme, con il Green Deal. Lo abbiamo fatto insieme come Commissione, come Parlamento, come 27 Stati membri. Come un'Europa sola. E possiamo esserne orgogliosi". 

Al tempo della crisi finanziaria, "l'Europa dichiarò vittoria troppo presto, e ne abbiamo pagato il prezzo. Non ripeteremo lo stesso errore", assicura infine la presidente della Commissione Europea. Guardando avanti, aggiunge von der Leyen, "la Commissione rilancerà la discussione sulla revisione della governance economica nelle prossime settimane. L'obiettivo è costruire un consenso sul modo per andare avanti in tempo per il 2023", quando verrà disattivata la clausola generale di salvaguardia. 

 

  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002