Vaccino covid Usa, Biden: "Per ogni nostra dose tre saranno donate" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Sab, Ott

Vaccino covid Usa, Biden: "Per ogni nostra dose tre saranno donate"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L'America deve diventare l'arsenale di vaccini, come è diventata l'arsenale della democrazia". Così Joe Biden nel discorso con cui ha aperto il summit virtuale organizzato dalla Casa Bianca per la lotta al Covid, confermando che gli Stati Uniti doneranno altri 500 milioni di dosi di vaccino, arrivando ad un totale di 1,1

miliardi. Vale a dire che "per ogni dose amministrata in America, tre saranno donate", ha aggiunto. 

Inoltre il presidente ha annunciato lo stanziamento di 370 milioni di dollari per aiutare le campagne vaccinali in tutto il mondo. Ricordando che gli Usa intendono "continuare a guidare" la lotta per sconfiggere il Covid ed essere meglio preparati ad una prossima pandemia, Biden ha espresso la convinzione che "possiamo farcela, sappiamo quello che dobbiamo fare, dobbiamo solo scegliere di farlo". 

"Oggi lanciamo la partnership tra Ue e Usa per lavorare a più stretto contatto con i nostri partner per estendere la vaccinazione globale", ha poi annunciato Biden. "Mentre gli Stati Uniti guidano questo sforzo, abbiamo bisogno che gli altri Paesi ad alto reddito presentino si assumano i loro ambiziosi impegni per la donazione di vaccini", ha detto ancora il presidente americano. 

Nel suo discorso, Biden ha detto che nello spingere per una campagna globale di vaccinazione anti-Covid, "bisogna riunirsi intorno ad alcuni principi". "Bisogna impegnarsi a donare, non vendere le dosi a Paesi a basso reddito e la donazione arriva senza nessuna condizione politica", ha affermato il presidente americano spiegando questi principi. 

Poi ha sottolineato la necessità di sostenere il programma dell'Onu Covac come "principale distributore per condividere i vaccini approvati dall'Oms". Infine ha insistito sulla necessità di "combattere la disinformazione sui vaccini ed esercitare la trasparenza, per costruire l'essenziale fiducia del pubblico in questi strumenti salvavita". 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002