Covid, allarme contagi nei Paesi Baltici: maggior tasso di infezione dell'Ue - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Covid, allarme contagi nei Paesi Baltici: maggior tasso di infezione dell'Ue

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E' sempre più allarme contagi per Covid-19 nei Paesi Baltici Oggi è stato registrato il record massimo di casi positivi in Lettonia (3.206) ed Estonia (2.205), mentre i contagi crescono anche in Lituania. Sono state varate misure restrittive, ma il problema è soprattutto il basso tasso di vaccinazione.  

Secondo

i dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), i 3 Paesi hanno il tasso più alto di infezione dell'Unione Europea. Nell'arco degli ultimi 14 giorni, l'incidenza su 100mila abitanti è stata di 1.737 casi in Lettonia, 1.408 in Estonia e 1.365 in Lituania.  

Per contenere la pandemia, in Lettonia è in vigore un lockdown con coprifuoco notturno fino al 15 novembre. Da 2 giorni in Estonia è obbligatorio indossare la mascherina ed esibire il Green pass per accedere ad alcuni servizi e spazi pubblici. Il problema rimane soprattutto il basso numero di vaccinazioni: in Estonia e Lettonia circa la metà della popolazione si è immunizzata, mentre in Lituania la copertura arriva al 60%. I 3 governi sono sotto accusa per gli scarsi risultati della campagna di vaccinazione e vi sono state ripetute richieste di dimissioni dei ministri della Sanità. Intanto gli ospedali sono prossimi al collasso per il numero di pazienti Covid. La Lettonia ha già fatto richiesta di assistenza ad altri Paesi.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002