Alec Baldwin, "nella pistola c'era proiettile vero" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Alec Baldwin, "nella pistola c'era proiettile vero"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E' stata uccisa da un proiettile vero Halyna Hutchins, la direttrice della fotografia morta nel drammatico incidente avvenuto sul set di Rust, dove Alec Baldwin ha sparato con la pistola di scena mentre si stava esercitando ad estrarre l'arma, uccidendo la donna e ferendo il regista. E' quanto ha detto lo sceriffo della contea di Santa Fe, Adan

Mendoza, in una conferenza stampa in cui è stato anche detto che sono stati ritrovati sul set altri proiettili veri, senza dare altre precisazioni. 

"I fatti sono chiari: è stata data una pistola a Baldwin che era funzionale ed ha sparato una pallottola vera che ha ucciso Hutchins", ha detto Mendoza spiegando che l'Fbi sta analizzando un proiettile estratto dalla spalla del regista Souza. 

Nella conferenza stampa è intervenuta anche la procuratrice distrettuale, Mary Carmack-Altwies, che ha sottolineato che l'inchiesta è appena iniziata, che si stanno ascoltando decine di testimoni e che tutte le opzioni, comprese possibili incriminazioni, sono sul tavolo. "Se i fatti e la legge sostengono le accuse io allora avvierò l'incriminazione - ha detto - non prendo decisioni affrettate". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002