Ucraina, Neuromed apre suoi centri a ricercatori in fuga da guerra
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Ucraina, Neuromed apre suoi centri a ricercatori in fuga da guerra

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - L'Irccs Neuromed mette a disposizione le proprie strutture di ricerca biomedica per i ricercatori che lavorano sulle neuroscienze e temi correlati nelle università o nei centri di Ricerca in Ucraina e che necessitano di sostegno per realizzare i loro progetti. Neuromed coprirà le loro spese di viaggio e di vitto e

alloggio per tutto il periodo richiesto, nonché i costi della ricerca che intenderanno condurre. L'auspicio dell'istituto di ricerca molisano è che i ricercatori ucraini che accetteranno questo invito possano tornare presto a casa e contribuire alla ripresa del loro Paese, impegnandosi a sostenere anche le loro spese di ritorno.  

“Il mondo della scienza - dice Giovanni de Gaetano, presidente Neuromed - è una grande comunità che ha sempre travalicato le frontiere. Riteniamo sia ora più che mai il momento di ribadire come la scienza sia forza di pace, di dialogo e di reciproca comprensione”.  

"È nella natura stessa del ricercatore - commenta Luigi Frati, direttore scientifico Neuromed - avere un respiro internazionale, aperta agli avanzamenti che portino nuove conoscenze e benefici per la salute, ovunque siano effettuati. Personalmente tramite la rete degli Istituti Pasteur - afferma Frati che è anche presidente dell’Istituto Pasteur Italia e in contatto con il Pasteur di San Pietroburgo - rivolgo un appello: cessi la guerra, siate fratelli, come lo siamo qui a Neuromed con le colleghe e i colleghi ucraini che verranno a lavorare da noi in questo momento drammatico”. I ricercatori ucraini interessati potranno contattare l'Ufficio Ricerca e Sviluppo di Neuromed (Avv Emilia Belfiore, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002