Ucraina, giornalista Rai: "Agenti con kalashnikov in stanza, un incubo" - Video
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Ucraina, giornalista Rai: "Agenti con kalashnikov in stanza, un incubo" - Video

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Eravamo in camera, in diretta con 'Uno Mattina', abbiamo sentito urlare, sbraitare e sbattere la porta. Sono entrati due agenti armati e con il mefisto, hanno buttato giù i due operatori di ripresa a terra, con il ginocchio sulla schiena e facendogli alzare le mani. Non capivano nulla di inglese quindi ci hanno tenuto

dieci minuti urlando come pazzi, col kalashnikov puntato alla testa dei colleghi". A raccontare all'Adnkronos la terribile 'disavventura' appena vissuta è Stefania Battistini, l'inviata del Tg1 per raccontare il conflitto in Ucraina che nel momento dell'irruzione si trovava in un hotel a Zaporizhzhia, vicino a Dnipro, insieme ai colleghi Simone Traini e Mauro Folio.  

"Continuavano a chiederci 'perché siete nel nostro Paese?' -racconta la giornalista- Io, forse perché pensano che le donne siano meno pericolose, sono stata delegata alla ricerca dei documenti". La Battistini ricostruisce la dinamica: "Credo siano stati chiamati dalla direttrice dell'albergo, che credo li abbia chiamati per segnalare un'attività secondo lei sospetta". Il motivo, come spiega l'inviata, è che "qui c'è un livello di paranoia totale, ogni cosa che per loro non è usuale ed è considerata una minaccia. Hanno paura, vivono nel terrore che ci siano spie russe, in parte e comprensibile ma per chi fa il giornalista è un incubo". 

La tensione si è alzata quando gli agenti hanno fatto irruzione anche nella stanza di altri due inviati italiani, Cristiano Tinazzi e Andrea Carrubba, che si trovavano in una delle stanze accanto. "Mi hanno accompagnato a fare la stessa cosa da loro, usandomi come testimone nella loro stanza, hanno rifatto la stessa scena", dice l'inviata. Che aggiunge: "Se mi sono spaventata? Certo quando vedi un collega con un'arma puntata alla testa ti preoccupi, sì". Poi "qualcuno deve aver telefonato, ci deve essere stato qualcuno che ha evidentemente spiegato, è arrivata la polizia in borghese e la cosa ha preso dei contorni più dialoganti e civili e ci hanno lasciato alzare la terra", racconta la Battistini. Ora "la situazione è tornata alla normalità, devo dire che alla fine si sono anche scusati, hanno detto 'sorry'". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002