Guerra Ucraina-Russia, città assediate. "Bombe non danno tregua"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Guerra Ucraina-Russia, città assediate. "Bombe non danno tregua"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - La guerra tra Russia e Ucraina arriva all'ottavo giorno. Nella speranza di un cessate il fuoco, che potrebbe essere deciso oggi nel secondo round di negoziati tra le delegazioni di Mosca e Kiev, i combattimenti non si fermano. Potenti esplosioni sono state udite nella notte a Kiev e in altre città dell'Ucraina. Le linee di

difesa dell'Ucraina stanno reggendo, ma i bombardamenti russi sulle città non danno tregua dalla mezzanotte, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video, affermando che il cambiamento nella tattica russa, ovvero la decisione di prendere di mira le aree civili, dimostra che l'Ucraina è riuscita a resistere al piano di Mosca che puntava a una rapida vittoria con un assalto di terra.  

ZELENSKY - ''Non abbiamo altro da perdere, se non la nostra libertà. La Russia ci risarcirà, ricostruiremo ogni strada e ogni casa'', ha detto, ricordando che "siamo sopravvissuti a due guerre mondiali, tre carestie, l'Olocausto, Babyn Yar, la Grande Purga, l'esplosione di Chernobyl, l'occupazione della Crimea e la guerra nell'est del nostro stato. Volevano distruggerci tante volte, ma non ci sono riusciti". 'Ne abbiamo passate tante. E se qualcuno pensa che dopo aver superato tutto questo, gli ucraini, tutti noi, siamo spaventati, distrutti o arresi, semplicemente non sa nulla di noi. Non sa nulla dell'Ucraina'', ha aggiunto. 

Questa mattina presto Zelensky, aveva inviato un nuovo messaggio ai russi: "Qui non avrete pace, non avrete da mangiare, non avrete un momento di calma". Ci sarà solo, ha incalzato, una "resistenza tanto agguerrita che ricorderanno per sempre che non rinunceremo a ciò che è nostro". Dall'inizio dell'invasione, ha rivendicato, l'Ucraina ha sventato i piani che il "nemico" preparava da anni. 

Stando al presidente ucraino, sono morti circa 9.000 russi. Ieri la Difesa ucraina parlava di 5.840 russi morti. Sempre ieri il ministero della Difesa russo ha fornito per la prima volta un bilancio ufficiale delle perdite dall'inizio dell'invasione, confermando un bollettino di 498 soldati russi caduti. Secondo Zelensky è basso il morale delle truppe russe e ogni giorno soldati russi vengono fatti prigionieri. "E dicono solo una cosa - ha affermato - Non sanno perché sono qui". 

KIEV - Secondo la Bbc, almeno quattro forti esplosioni si sono registrate intorno alle 3.00 ora locale nella capitale, ma non è chiaro quali fossero gli obiettivi né se ci siano persone colpite. Così a Kiev nella notte sono tornate a suonare le sirene antiaeree con gli abitanti invitati a mettersi al riparo, come ha riportato l'agenzia Unian. I media locali hanno anche riferito di combattimenti alla periferia di Kiev. "Il nemico sta cercando di sfondare", ha scritto nelle scorse ore su Telegram il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko. 

KHARKIV - A Kharkiv almeno tre scuole e la Cattedrale dell'Assunzione sono state colpite dagli attacchi russi. Secondo la Cnn, martedì almeno tre scuole sono stati colpite sulla base di foto e video pubblicati sui social media e verificati dalla rete. Una delle scuole si trova nel quartiere nord di Saltivka e le altre due a poco più di un chilometro di distanza nella zona industriale nella parte sudorientale della città. The Kyiv Independent ha riportato di almeno tre scuole colpite insieme alla Cattedrale dell'Assunzione.  

MARIUPOL - Bombardamenti ''senza sosta'' stanno colpendo la città portuale di Mariupol, nel sud-est dell'Ucraina, negli ultimi giorni. Lo denuncia il sindaco di Mariupol, Vadym Boichenko, dicendo che i bombardamenti sono talmente "implacabili" che i soccorritori non riescono a recuperare i feriti per poterli curare. "Non possiamo nemmeno prendere i feriti dalle strade, dagli appartamenti, poiché i bombardamenti non si fermano", ha detto. 

Intanto la Corte Penale internazionale ha ufficialmente avviato un'indagine su presunti crimini di guerra commessi dalla Russia in Ucraina. Lo ha annunciato il procuratore della Cpi, Karim A.A. Khan Qc, dopo che 39 Paesi, tra cui l'Italia, un numero mai così ampio, hanno sottoscritto la procedura di attivazione della Corte. Il lavoro di raccolta delle prove in Ucraina è già iniziato, ha detto il procuratore. "Come già detto nella mia dichiarazione del 28 febbraio, nell'esame preliminare della situazione in Ucraina, il mio ufficio ha già trovato una base ragionevole per ritenere che siano stati commessi crimini nell'ambito della giurisdizione della Corte - ha sottolineato il procuratore - e ha identificato casi potenziali che sarebbero ammissibili".  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002