Guerra Ucraina, Ikea e H&M chiudono attività in Russia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Ven, Ago

Guerra Ucraina, Ikea e H&M chiudono attività in Russia

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Guerra in Ucraina, dopo essere finiti nel mirino dell'opinione pubblica svedese e internazionale, i due colossi scandinavi del retail Ikea e H&M fanno marcia indietro e interrompono le proprie attività in Russia. Il primo a muoversi è stato il gruppo H&M che ha annunciato una sospensione "temporanea" delle

vendite nel paese (sesto mercato per importanza), dicendosi "preoccupato per i tragici sviluppi in Ucraina" ed esprimendo "vicinanza a tutte le persone che stanno soffrendo". Quindi da Stoccolma è arrivata la comunicazione di Ikea che ferma da subito le sue attività non solo in Russia ma anche in Bielorussia, annunciando assieme alla sua fondazione una donazione per oltre 400 milioni di corone svedesi (circa 37 milioni di euro) per aiutare coloro quanti sono stati costretti a fuggire a causa dell'aggressione russa all'Ucraina. 

In particolare, Ikea ha annunciato la chiusura di tutti i suoi 17 negozi in Russia. In una dichiarazione congiunta, Inter Ikea e Ingka Group hanno dichiarato che "la guerra ha un enorme impatto umano e provoca gravi interruzioni della catena di approvvigionamento e delle condizioni commerciali. Per questo motivo i gruppi aziendali hanno deciso di sospendere temporaneamente le operazioni Ikea in Russia". Il gigante svedese dell'arredamento ha tuttavia deciso di non chiudere i centri commerciali in Russia che operano sotto il marchio Mega. Secondo Ikea, questo è per garantire che molte persone in Russia abbiano accesso a cibo e medicine. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.