Guerra Ucraina-Russia, ultime notizie oggi tempo reale: news 6 marzo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Guerra Ucraina-Russia, ultime notizie oggi tempo reale: news 6 marzo

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Guerra Ucraina, prosegue l'offensiva della Russia. Si spera in un corridoio umanitario per Kharkiv oggi. Colloquio tra il presidente ucraino Zelensky e il presidente Usa Biden. 

ORE 11.21 - Il segretario di Stato, Antony Blinken, ha brevemente varcato il confine con l'Ucraina insieme a Dmytro Kuleba. Blinken ha

nuovamente incontrato il ministro degli Esteri ucraino in Polonia per discutere gli sforzi occidentali a sostegno di Kiev, secondo quanto riporta il sito del Guardian. 

ORE 11.20 - Due carri armati russi avrebbero colpito una scuola e case di civili a Buzova, nei pressi di Kiev. 

ORE 11.15 - Sono circa 3.700 le persone, compresi 1.146 minori, arrivate in Grecia dall'Ucraina dall'inizio del conflitto. Lo ha confermato il ministero della Protezione civile. Nelle passate 24 ore le autorità hanno registrato altri 640 arrivi. 

ORE 11.08 - Sono quasi un milione le persone che dall'Ucraina sono arrivate in Polonia dal 24 febbraio, dall'inizio dell'invasione russa. Sono i dati riportati su Twitter dalle Guardie di Frontiera. In totale i profughi sono 922.400, 129.000 dei quali arrivati sabato, un record dall'inizio di quello che è un esodo. Solo nelle prime ore di oggi, fino alle 7, sono già arrivate almeno altre 39.800 persone, secondo i dati riportati su Twitter. 

Secondo l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi, "in dieci giorni più di 1,5 milioni di profughi dall'Ucraina hanno attraversato il confine verso i Paesi vicini". 

ORE 11.07 - Sono 37.786 gli ucraini fuggiti dal loro paese ed accolti in Germania. A renderlo noto è stato il ministero dell'Interno di Berlino, precisando che solo tra ieri e oggi ne sono stati registrati 10mila. "Il numero complessivo potrebbe essere molto più alto" in conseguenza dell'assenza di controlli alla frontiera, ha sottolineato un portavoce. 

ORE 10.56 - La regione di Zhytomyr è stata bombardata questa notte e sono state colpite anche aree residenziali a Korosten e Ovruch. Lo ha annunciato il portavoce della polizia locale Alla Vashchenko. 

ORE 10.48 - Le forze delle repubbliche filorusse di Donestk confermano che oggi si apriranno i corridoi umanitari per permettere l'evacuazione della popolazione civile da Mariupol e Volnovakha. "Questa mattina i corridoi umanitari si apriranno di nuovo speriamo che i comandanti ucraini che hanno in carico la difesa della popolazione ordinino di sbloccare l'uscita", ha dichiarato Eduard Basurin, vice capo delle milizie di Donetsk, secondo quanto riporta la Tass. 

ORE 10.41 - Arrivati all'undicesimo giorno di invasione dell'Ucraina, la "la scala e la forza" della resistenza delle forze armate di Kiev "continua a sorprendere la Russia". E' quanto si legge nel rapporto quotidiano dell'intelligence britannica, diffuso dal ministero della Difesa, che sottolinea come "le forze russe stiano rispondendo prendendo di mira città popolose come Kharkiv, Chirnihiv e Mariupol". 

ORE 10.32 - A Irpin, nell'oblast' di Kiev, l'esercito russo ha sparato colpi di mortaio in un punto di evacuazione uccidendo una famiglia. 

ORE 10.31 - "L'undicesimo giorno di confronto eroico tra il popolo ucraino e l'invasione militare russa è cominciato. Le forze armate e le unità di sicurezza e difesa ucraine stanno combattendo per detenere i punti critici. Il nemico ha subito ingenti perdite, e tenta regolarmente di evitare lo scontro a fuoco diretto con le nostre truppe". E' quanto si legge nel bollettino quotidiano di informazioni operative delle forze armate in Ucraina che scrive: "Il nemico continua a subire perdite. Resistiamo. Vinceremo insieme. Gloria all'Ucraina". 

"La forza aerea dell'esercito ucraino ha concentrato i suoi sforzi nel respingimento degli attacchi nemici con missili e bombardamenti aerei contro le truppe ucraine. In totale, i russi hanno perso 88 tra aerei ed elicotteri. E sono consistenti le perdite russe in termini di armi, equipaggiamenti e militari. Alcuni piloti nemici sono stati catturati dai soldati ucraini, hanno ricevuto assistenza sanitaria e stanno testimoniando contro il regime putiniano di crimini contro l'umanità. Grazie alla resistenza ucraina - conclude - le forze armate russe sono demoralizzate, moralmente sotto tono. Il nemico continua a subire perdite".  

ORE 10.25 - "Se hai tempo, dopo la guerra sei il benvenuto". Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky invita Elon Musk a visitare l'Ucraina quando la guerra sarà finita. E il magnate, in collegamento online con il presidente, accetta l'invito. Musk si è schierato al fianco dell'Ucraina nella guerra contro la Russia, mettendo a disposizione di Kiev la rete Starlink che garantisce l'accesso a internet. 

ORE 10.21 - Oltre 11mila soldati russi sono stati uccisi dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina. Lo affermano oggi le forze armate ucraine, aggiungendo che solo ieri sono stati trasferiti dal fronte all'ospedale della città di Briank, nel Lugansk, oltre 650 militari russi feriti. Inoltre, Kiev rende noto che sono stati distrutti 285 tank, 109 sistemi di artiglieria e 48 elicotteri. 

ORE 10.20 - Sono 992.400 gli ucraini in fuga dalla guerra entrati in Polonia dall'inizio dell'invasione russa. A riferirne è stata la polizia di frontiera polacca. Nella sola giornata di ieri 129mila persone sono arrivate nel paese, secondo quanto scritto su Twitter dalle autorità di Varsavia. E a metà mattinata, oggi, se ne contavano altre 39.800. 

ORE 10.10 - Un cessate il fuoco è entrato in vigore dalle 10 del mattino, le 9 in Italia, a Mariupol per permettere di nuovo, dopo il fallito tentativo di ieri, l'evacuazione dei civili che dovrebbe iniziare alle 12. Secondo quanto hanno reso noto le autorità della città ucraina assediata, il cessate il fuoco continuerà fino alle 21 di questa sera. 

ORE 10.07 - Allerta rossa a Kiev, minaccia di attacco aereo. Suonano le sirene di allarme. 

ORE 10.06 - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è recato nella basilica di Santa Sofia, nella zona romana di Boccea, per partecipare alla Messa domenicale. 

ORE 9.56 - Di fronte all'impossibilità di soddisfare la richiesta di Kiev di garantire una no fly zone sull'Ucraina, che segnerebbe l'entrata diretta nel conflitto con la Russia di Usa e Nato, l'amministrazione sta valutando la possibilità di consegnare caccia alle forze armate ucraine. Secondo quanto riporta Politico, Washington sta valutando con la Polonia un accordo che porterebbe Varsavia ad inviare i suoi Mig-29 a Kiev avendo in cambio aerei nuovi americani. 

"Stiamo lavorando con i polacchi su questa questione e ci stiamo consultando con gli altri alleati Nato - ha detto una fonte della Casa Bianca a Politico - noi stiamo anche lavorando alle capacità che possiamo fornire alla Polonia se deciderà di trasferire suoi aerei all'Ucraina". 

Dall'amministrazione Biden si assicura che "non c'e' nessuna opposizione all'invio di aerei dalla Polonia all'Ucraina", ma si spiega che invece il trasferimento di F16 americani a Varsavia sarebbe un processo che avrebbe tempi lunghi di autorizzazione. Volodymyr Zelensky parlando ieri con i membri del Congresso Usa non solo ha ribadito la richiesta della no fly zone, che continua ad essere negata da Usa e Nato, ma anche quella di più aerei per contrastare i russi. 

ORE 9.50 - Volodymyr Zelenskiy si è rivolto con un messaggio alla popolazione ucraina e ha lodato le molte forme di resistenza che la gente ha scelto per opporsi all'invasione russa, definendo il paese "una superpotenza dello spirito". L'Ucraina, ha detto, ha reagito al "massimo delle sue possibilità", con i soldati che combattevano ma anche con le persone comuni che difendevano città, gli ospedali. Il presidente ucraino ha incoraggiato i residenti delle aree occupate a protestare, se possibile. A riferirne è il Guardian. 

ORE 9.49 - L’evacuazione a Mariupol inizierà alle ore 12. Si comunica inoltre che in testa alla colonna d’evacuazione ci sarà la Croce rossa. Lo riferisce il governatore della regione dell’amministrazione regionale militare Pavlo Kyrylenko su Facebook. I cittadini possono lasciare la città con i mezzi propri. E' assolutamente vietato deviare dal percorso umanitario stabilito. 

ORE 9.43 - "La notte del 6 marzo a Kyiv è stata tranquilla. La situazione in città è complicata ma sotto controllo. Alle 7.00 è finito il coprifuoco, hanno aperto i negozi in cui comprare i prodotti di prima necessità. Sono aperte anche le farmacie, i negozi e le farmacie per animali". Lo riferisce l'amministrazione municipale di Kiev. 

ORE 9.42 - Nella notte fra il 5 e il 6 marzo, due residenti di Staromlynivka, nella regione del Donetsk, sono stati feriti dalle forze armate russe. Lo annuncia il capo dell'amministrazione militare del Donetsk, Pavlo Kyrylenko ed aggiunge: "Non siamo in grado di calcolare le vittime e i feriti tra i civili residenti a Mariupol. E' impossibile avere numeri certi al momento. Così come anche a Volnovakha". 

ORE 9.40 - Il negoziatore russo, Leonid Slutsky, ha confermato oggi durante una trasmissione streaming di Soloviev Live YouTube che domani si svolgerà il terzo round dei colloqui negoziali con l'Ucraina. Secondo quanto riporta la Tass, in un'altra dichiarazione a Russia-24, Slutsky ha detto che "durante il secondo round, la parte ucraina ha dimostrato capacità negoziale". "Si rendono conto che è in gioco la vita della popolazione, questa è la nostra comune priorità", ha aggiunto. 

ORE 9.39 - "Ogni giorno è una lotta alla sopravvivenza. Riceviamo migliaia di messaggi dai residenti di Bucha che hanno bisogno di cibo, acqua ripristino delle comunicazioni, dei riscaldamenti. Aiuto per i malati, da chi vorrebbe ricongiungersi alle famiglie. Ma i bombardamenti del nemico continuano, uccidono civili, bambini". E' l'appello del Consiglio comunale di Bucha. 

ORE 9.32 - Il premier israeliano Naftali Bennett è rientrato oggi dalla sua missione a sorpresa a Mosca dove ha parlato per tre ore con Vladimir Putin, recandosi poi a Berlino dove ha avuto un colloquio con Olaf Scholz. Secondo quanto riporta oggi la stampa israeliana, la preparazione del suo viaggio segreto in Russia, che dall'ufficio del premier israeliano assicurano è avvenuto "in coordinamento e con la benedizione degli Usa e di Kiev", è iniziata mercoledì scorso, quando Bennett ha parlato al telefono con Putin. 

ORE 9.27 - A Kharkiv sono arrivate 50 tonnellate di aiuti umanitari e ci si prepara a evacuare la popolazione. "Abbiamo portato 50 tonnellate di auti umanitari nella giornata del 5 marzo e siamo già pronti a evacuare decine di migliaia dei bambini, delle madri, e persone impossibilitate a muoversi, facciamo di tutto affinché i nostri difensori possano lavorare bene”, si legge sul canale telegram ufficiale della città. 

ORE 9.19 - Nelle ultime 24 ore le città come Chernihiv, Kharkiv, Bucha, Ovruch, Korosten a causa dei combattimenti hanno subito altri danni all’infrastruttura civile. Lo riporta Il servizio per Emergenze Nazionale dell'Ucraina. 

ORE 9.18 - L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha confermato oggi che almeno sei persone sono morte e undici sono rimaste ferite in sei attacchi registrati contro strutture sanitarie in Ucraina dall'inizio dell'invasione russa. L'Oms "condanna fermamente" questi attacchi, effettuati principalmente dal fuoco dell'artiglieria. L'agenzia delle Nazioni Unite sta indagando su "ulteriori rapporti" di nuovi attacchi, ha aggiunto il direttore generale dell'organizzazione, Tedros Adhanom Ghebreyesus. "Gli attacchi alle strutture sanitarie o ai lavoratori violano la neutralità dell'azione medica e il diritto umanitario internazionale", sottolinea il direttore generale dell'Oms su Twitter. 

ORE 9.16 - Nella telefonata con Volodymyr Zelenskyy, Joe Biden "ha discusso i recenti negoziati tra Russia e l'Ucraina". Lo rende noto la Casa Bianca in un comunicato in cui si ribadisce la "preoccupazione per il recente attacco russo alla centrale nucleare e l'ammirazione per la bravura e il coraggio degli operatori ucraini che hanno mantenuto il reattore in condizioni sicure". 

Il presidente americano poi ha sottolineato le azioni prese da "Usa, alleati e settori privati per aumentare il costo per la Russia dell'aggressione in Ucraina", indicando in particolare la decisione presa ieri sera da Visa e Mastercard di interrompere le operazioni in Russia. Il presidente ha concluso ricordando che "la sua amministrazione sta aumentando gli aiuti di sicurezza, umanitari ed economici" all'Ucraina. 

ORE 9 - Alti funzionari del governo degli Stati Uniti sono arrivati in Venezuela, paese tradizionalmente vicino alla Russia, per incontrare rappresentanti del governo del presidente Nicolas Maduro nel quadro della crisi ucraina. A riferirlo al New York Times sono state fonti a conoscenza della visita. 

Queste fonti non hanno specificato chi compone la delegazione - di cui farebbero comunque parte alti funzionari del Dipartimento di Stato e della Casa Bianca - o con chi si incontrerà, né hanno reso noto quanto tempo rimarrà nel paese, limitandosi a sottolineare che si tratta di una delle visite di più alto livello degli ultimi anni nel paese latinoamericano. 

Maduro ha segnalato nei giorni scorsi la disponibilità a riavviare il commercio di petrolio con gli Stati Uniti: "Qui giace il petrolio del Venezuela, che è disponibile per chiunque voglia produrlo e acquistarlo, che si tratti di un investitore proveniente dall'Asia, dall'Europa o dagli Stati Uniti", ha dichiarato giovedì il presidente venezuelano, citato dal giornale. 

ORE 8.37 - Le forze ucraine hanno "combattuto violente battaglie per mantenere determinate posizioni": a riferirne è stato l'esercito ucraino nel rapporto operativo pubblicato questa mattina e citato dal Guardian. Un'operazione di difesa nella parte orientale del distretto operativo di Donetsk è in corso mentre gli sforzi sono concentrati sulla difesa della città di Mariupol, hanno annunciato i militari. Secondo il rapporto, le forze russe sono state bloccate nell'avanzata verso la regione di Dnipropetrovsk da Balaklia ed è in corso un'operazione per difendere la città di Chernihiv. Il rapporto fa riferimento a "pesanti perdite di armi, equipaggiamento e personale" insieme a quella di 88 aerei ed elicotteri russi. 

“Alcuni piloti nemici che si sono catapultati e sono sopravvissuti sono stati trovati dai soldati ucraini. Hanno ricevuto cure mediche e stanno già testimoniando sui crimini del regime di Putin contro l'umanità", si legge nel rapporto. 

ORE 8.24 - Un attacco missilistico russo ha colpito un gruppo di abitazioni nella regione di Zhytomyr, 140 chilometri a nordovest di Kiev. A riferirne, parlando di morti o feriti, sono i servizi di emergenza ucraini su Telegram. 

Un altro attacco in nottata con razzi a Korosten, a sud di Ovruch, ha provocato la morte di una persona ed il ferimento di altre due, stando alla stessa fonte, citata dal Guardian. Dieci abitazioni sono state distrutte e un edificio è andato in fiamme. Cinque bambini sono stati tratti in salvo. 

ORE 8.11 - Il cancelliere tedesco Olaf Scholz avrà oggi colloqui incentrati su questioni europee ed in particolare sulla crisi ucraina durante un incontro con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a Berlino. Il colloquio avviene alla vigilia di una riunione informale del Consiglio europeo che si terrà giovedì e venerdì. L'incontro è previsto per le 12 circa. Von der Leyen ha affrontato il tema della crisi ucraina nel corso dei colloqui avuti ieri in Spagna con il capo del governo di Madrid Pedro Sanchez. 

ORE 7.58 - L'emittente Radio Free Europe/Radio Liberty ha annunciato che sospenderà le attività in Russia. L'emittente ha spiegato la decisione citando le procedure fallimentari avviate dalle autorità fiscali russe contro la filiale locale di RFE/RL, l'aumento della pressione della polizia sui suoi giornalisti e la legge sui nuovi media in Russia. 

"Questa non è una decisione che Rfe/Rl ha preso di propria iniziativa, ma ci è stata imposta dall'attacco alla verità da parte del regime di Putin", ha affermato il presidente dell'emittente finanziata dagli Stati Uniti, Jamie Fly, in un comunicato stampa. 

Radio Free Europe/Radio Liberty intende continuare a coprire "la catastrofica invasione russa del suo vicino... dall'esterno della Russia". "Dopo anni di minacce, intimidazioni e molestie nei confronti dei nostri giornalisti, il Cremlino, nel disperato tentativo di impedire ai cittadini russi di conoscere la verità sulla sua guerra illegale in Ucraina, sta ora bollando i giornalisti onesti come traditori dello stato russo", ha denunciato Fly. 

ORE 7.14 -Sono durati 90 minuti i colloqui che si sono svolti nella tarda serata di ieri a Berlino tra il premier israeliano Naftali Bennett e il cancelliere tedesco Olaf Scholz. A riferirne è stato il portavoce del capo del governo di Berlino, Steffen Hebestreit, precisando che l’obiettivo principale per entrambi resta quello di mettere fine alla guerra in Ucraina “prima possibile”. Bennett ha raggiunto Berlino da Mosca, dove aveva avuto un colloquio con il presidente Vladimir Putin.  

ORE 7.06 - Volodymyr Zelensky ha avuto un colloquio telefonico con il presidente americano Joe Biden. “Nel quadro del costante dialogo – ha scritto lo stesso presidente ucraino sul suo account Twitter alle prime ore di oggi – ho avuto un altro colloquio con Biden. In agenda, la sicurezza, il sostegno finanziario all’Ucraina e il proseguimento delle sanzioni contro la Russia”. 

ORE 7.05 - Un corridoio umanitario per Kharkiv. E’ questa la speranza espressa dal capo della delegazione di negoziatori ucraini incaricati di trattare con la parte russa, David Arachamija. “Se Dio vuole ci sarà un corridoio domenica”, ha dichiarato su Facebook rispondendo ad un’abitante di Kharkiv che raccontava di aver vissuto “10 giorni di inferno”. 

ORE 7 - Le forze russe vogliono assumere il controllo della diga della centrale idroelettrica di Kaniv, situata circa 150 chilometri a sud di Kiev, sul fiume Dnipro. L’allarme arriva dallo stato maggiore delle forze armate ucraine: le unità russe – hanno riferito alle prime ore di oggi i militari – stanno tentando di tutto per penetrare nella periferia sud-occidentale della capitale Kiev. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002