Guerra Ucraina, Mariupol annuncia evacuazione imminente. Allerta rossa a Kiev
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Guerra Ucraina, Mariupol annuncia evacuazione imminente. Allerta rossa a Kiev

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Ucraina-Russia, evacuazione imminente a Mariupol: dovrebbe iniziare alle 12. In testa alla colonna d’evacuazione ci sarà la Croce rossa, riferisce inoltre il governatore della regione dell’amministrazione regionale militare Pavlo Kyrylenko su Facebook. I cittadini possono lasciare la città con i

mezzi propri. E' assolutamente vietato deviare dal percorso umanitario stabilito.Il cessate il fuoco, per permettere l'evacuazione dei civili, è entrato invece in vigore dalle 10 del mattino, le 9 in Italia. Secondo quanto hanno reso noto le autorità della città ucraina assediata, il cessate il fuoco continuerà fino alle 21 di questa sera. 

Allerta rossa a Kiev, minaccia di attacco aereo. Suonano le sirene di allarme. "La notte del 6 marzo a Kiev è stata tranquilla. La situazione in città è complicata ma sotto controllo. Alle 7.00 è finito il coprifuoco, hanno aperto i negozi in cui comprare i prodotti di prima necessità. Sono aperte anche le farmacie, i negozi e le farmacie per animali", aveva riferito l'amministrazione municipale di Kiev.  

Le forze ucraine hanno "combattuto violente battaglie per mantenere determinate posizioni", ha riferito l'esercito ucraino nel rapporto operativo pubblicato questa mattina e citato dal Guardian. Un'operazione di difesa nella parte orientale del distretto operativo di Donetsk è in corso mentre gli sforzi sono concentrati sulla difesa della città di Mariupol, hanno annunciato i militari. Secondo il rapporto, le forze russe sono state bloccate nell'avanzata verso la regione di Dnipropetrovsk da Balaklia ed è in corso un'operazione per difendere la città di Chernihiv. Il rapporto fa riferimento a "pesanti perdite di armi, equipaggiamento e personale" insieme a quella di 88 aerei ed elicotteri russi. “Alcuni piloti nemici che si sono catapultati e sono sopravvissuti sono stati trovati dai soldati ucraini. Hanno ricevuto cure mediche e stanno già testimoniando sui crimini del regime di Putin contro l'umanità", si legge nel rapporto. 

Un attacco missilistico russo ha colpito un gruppo di abitazioni nella regione di Zhytomyr, 140 chilometri a nordovest di Kiev, riferiscono - parlando di morti o feriti - i servizi di emergenza ucraini su Telegram. 

Un altro attacco in nottata con razzi a Korosten, a sud di Ovruch, ha provocato la morte di una persona e il ferimento di altre due, stando alla stessa fonte, citata dal Guardian. Dieci abitazioni sono state distrutte e un edificio è andato in fiamme. Cinque bambini sono stati tratti in salvo. 

Intanto si spera anche in un corridoio umanitario per Kharkiv oggi: è questa la speranza espressa dal capo della delegazione di negoziatori ucraini incaricati di trattare con la parte russa, David Arachamija. “Se Dio vuole ci sarà un corridoio oggi”, ha dichiarato su Facebook rispondendo a un’abitante di Kharkiv che raccontava di aver vissuto “10 giorni di inferno”. 

Le forze russe vogliono assumere il controllo della diga della centrale idroelettrica di Kaniv, situata circa 150 chilometri a sud di Kiev, sul fiume Dnipro. L’allarme arriva dallo stato maggiore delle forze armate ucraine: le unità russe – hanno riferito alle prime ore di oggi i militari – stanno tentando di tutto per penetrare nella periferia sud-occidentale della capitale Kiev.  

Colloquio tra Biden e Zelensky  

Volodymyr Zelensky ha avuto un colloquio telefonico con il presidente americano Joe Biden. “Nel quadro del costante dialogo – ha scritto lo stesso presidente ucraino sul suo account Twitter alle prime ore di oggi – ho avuto un altro colloquio con Biden. In agenda, la sicurezza, il sostegno finanziario all’Ucraina e il proseguimento delle sanzioni contro la Russia”. 

Domani terzo round negoziati  

Si terrà domani, lunedì 7 marzo, il terzo round di negoziati tra Kiev e Mosca. A confermarlo il negoziatore russo Leonid Slutsky oggi durante una trasmissione streaming di Soloviev Live YouTube. Secondo quanto riporta la Tass, in un'altra dichiarazione a Russia-24, Slutsky ha detto che "durante il secondo round, la parte ucraina ha dimostrato capacità negoziale". "Si rendono conto che è in gioco la vita della popolazione, questa è la nostra comune priorità", ha aggiunto.  

Incontro Putin-Bennett a Mosca  

Incontro Putin-Bennet a Mosca. Il colloquio fra il presidente russo e il primo ministro israeliano si è concluso dopo tre ore. A quanto riferiscono fonti diplomatiche, citate dai media israeliani, Bennett ha parlato con il presidente russo della situazione degli israeliani e delle comunità ebraiche in Ucraina durante il conflitto. Si è parlato anche dei colloqui sull'accordo nucleare con l'Iran a Vienna. Bennett ha detto che si oppone all'intesa. Il premier israeliano è partito, poi, alla volta di Berlino, per un incontro con il cancelliere tedesco Olaf Scholz. A confermarlo alla Welt sono state fonti del governo tedesco. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002