Lavrov: "Chi vuole sconfitta Russia non conosce la storia"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Sab, Lug

Lavrov: "Chi vuole sconfitta Russia non conosce la storia"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - I politici occidentali che affermano che la Russia deve essere sconfitta sanno poco della storia. Lo ha affermato il ministro degli Affari esteri della Federazione Russa Sergey Lavrov, a quanto riporta la Tass, parlando nell'ambito del progetto del Gymnasium. E. M. Primakova "100 domande al leader". "Dicono che la Russia deve

'fallire', che bisogna 'sconfiggerla', far sì che la Russia 'perda sul campo di battaglia'", ha detto ancora il capo della diplomazia di Mosca, parlando di "incantesimi" lanciati dai politici occidentali che "probabilmente non studiavano bene a scuola. Traggono conclusioni sbagliate dalla loro comprensione del passato e di cosa sia la Russia". 

Lavrov ha aggiunto che Mosca è preoccupata dai tentativi di molti governi occidentali di assecondare le manifestazioni di russofobia. "Questo è preoccupante", ha sottolineato, dicendosi però convinto che alla fine l'Occidente "sarà costretto ad ammettere che è impossibile attaccare costantemente gli interessi vitali russi, i russi, ovunque essi vivano". 

La Russia, ha spiegato ancora, farà affidamento solo su se stessa e su quei paesi che hanno dimostrato la loro affidabilità e "non ballano sulla melodia di qualcun altro". "Faremo affidamento solo su noi stessi e su quei paesi che hanno dimostrato la loro affidabilità e che non 'ballano sulla melodia di qualcun altro'. Se i paesi occidentali tornano in sé e offrono una qualche forma di cooperazione, allora decideremo", ha detto, spiegando però che, se l'Occidente "quando supererà la sua 'frenesia'" vorrà offrire qualcosa alla Federazione Russa in termini di ripresa delle relazioni, Mosca valuterà seriamente se ne ha bisogno o meno.  

Lavrov ha quindi evidenziato che la Russia vuole "smettere di dipendere dalla fornitura di qualsiasi cosa dall'Occidente per garantire lo sviluppo di industrie critiche per la sicurezza, l'economia e la sfera sociale della nostra Patria". 

"Stavamo per essere espulsi dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC), per sospendere la nostra adesione. Abbiamo deciso di farlo da soli. Il Consiglio si è screditato molto prima che iniziasse l'attuale situazione in Ucraina", ha detto ancora. 

Dopo aver ricordato che una gran parte della popolazione ucraina "è legalmente privata dell'opportunità di continuare a vivere usando la propria lingua madre, di crescere figli in chiave culturale russa e in lingua russa", e che per questo, "dopo molti anni di avvertimenti, non avendo altra scelta, abbiamo iniziato a proteggere gli interessi della sicurezza della popolazione russa nel Donbass", Lavrov ha aggiunto che i paesi occidentali hanno tradito la Carta delle Nazioni Unite, che sancisce il principio dell'uguaglianza sovrana degli Stati: "Ritengono che la sovranità sia solo la loro”, ha affermato il ministro. 

La Russia dovrebbe concentrarsi sulla regione eurasiatica nell'ulteriore sviluppo del paese e delle sue capacità, ha detto ancora il ministro degli Esteri russo. "Ora il centro dello sviluppo mondiale si è spostato in Eurasia. Al momento, disponiamo della più ampia rete di partnership nella regione eurasiatica. Dobbiamo fare affidamento su di esse per l'ulteriore sviluppo del nostro Paese, delle sue capacità di trasporto, transito e logistica", ha spiegato, sottolineando che l'Eurasia "sta diventando la regione più promettente del mondo". 

Il capo della diplomazia di Mosca ha sottolineato come queste relazioni debbano svilupparsi "non utilizzando gli strumenti di qualcun altro come il dollaro o il sistema di messaggistica finanziaria Swift" ma "creandone di nostri. Non è così difficile da fare".  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002