Vaccino proteico Novavax, ok Ema anche da 12 a 17 anni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Gio, Giu

Vaccino proteico Novavax, ok Ema anche da 12 a 17 anni

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Via libera dell'Agenzia europea del farmaco Ema al vaccino proteico anti-Covid Nuvaxovid dell'americana Novavax anche negli adolescenti dai 12 ai 17 anni. Il prodotto è già approvato in Ue per gli over 18, e ora il Comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) dell'Ema ha raccomandato di estenderne l'indicazione

includendo i 12-17enni. Per questo gruppo d'età il vaccino sarà lo stesso di quello utilizzato negli adulti, che prevede due iniezioni intramuscolo a 3 settimane di distanza l'una dall'altra.  

Lo studio principale, condotto su oltre 2.200 teenager dai 12 ai 17 anni - spiega l'ente regolatorio europeo - mostra che la risposta immunitaria indotta da Nuvaxovid negli adolescenti, misurata come livello di anticorpi contro Sars-CoV-2, è paragonabile a quella ottenuta nei giovani adulti tra 18 e 25 anni. La sperimentazione è stata effettuata quando dominava la variante Delta del coronavirus pandemico, e indicava per il vaccino un'efficacia di quasi l'80% nel prevenire l'infezione.  

Gli effetti collaterali più comuni negli adolescenti, per il vaccino di Novavax, sono per lo più simili a quelli riscontrati negli over 18. Includono dolore, arrossamento e gonfiore nel sito di iniezione - elenca l'Ema - mal di testa, dolori muscolari e articolari, stanchezza, malessere generale, vomito e febbre. La febbre è più frequente negli adolescenti che negli adulti. Si tratta di sintomi generalmente lievi o moderati, che migliorano entro pochi giorni dall'iniezione. Il Chmp ha ritenuto che "i benefici di Nuvaxovid negli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni superano i rischi". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002