Nato, ecco perché Turchia dice sì a Svezia e Finlandia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Lun, Ago

Nato, ecco perché Turchia dice sì a Svezia e Finlandia

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Via libera all'ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato. Helsinki e Stoccolma hanno accettato di prendere passi concreti sull'estradizione in Turchia di "terroristi" che si trovano sul proprio territorio. E' questo un passaggio decisivo per il sì di Recep Tayyip Erodgan, presidente della Turchia, all'ingresso dei due

paesi nordici nell'Alleanza. 

E' quanto sostiene l'emittente Trt, che cita il direttorato turco per le comunicazioni, secondo cui i due Paesi - nei confronti dei quali Ankara ha rimosso il veto al loro ingresso nella Nato - hanno accettato di cooperare "nella lotta contro il Pkk e le sue estensioni" e di "impedire la propaganda terroristica contro la Turchia". Hanno inoltre concordato di "non imporre embargo sull'industria della difesa turca e di aumentare la cooperazione".  

E' stata, inoltre, concordata la creazione di "un meccanismo permanente congiunto, con funzionari di intelligence, di giustizia e di sicurezza per l'attuazione del memorandum". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002