Taiwan, Cina: "Visita Pelosi provocazione, contromisure giuste"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Gio, Ago

Taiwan, Cina: "Visita Pelosi provocazione, contromisure giuste"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - La visita di Nancy Pelosi a Taiwan, che la Cina considera una "provincia ribelle" da "riunificare", non è stata "a difesa di democrazia e libertà", ma bensì una "provocazione" per la "sovranità e l'integrità territoriale" del gigante asiatico e "contromisure" sono la risposta "giusta". Si

è espresso così Ma Xiaoguang, portavoce dell'Ufficio per gli Affari di Taiwan del Consiglio di Stato cinese, in dichiarazioni riportate dall'agenzia ufficiale Xinhua nel mezzo di un'escalation di tensioni, tra retorica e maxi manovre militari. 

Il gigante asiatico considera la questione di Taiwan, di fatto indipendente, un "affare interno" e non tollera "interferenze", insiste sulla "politica di una sola Cina", sui suoi "interessi di sviluppo", oltre che su "sovranità e sicurezza". E, secondo Ma, è "giusto e naturale" che la Cina adotti le "contromisure necessarie" a tutela di "sovranità e integrità territoriale". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.