Gaza, lanci di razzi e raid di Israele. "Situazione verso escalation"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Gio, Ago

Gaza, lanci di razzi e raid di Israele. "Situazione verso escalation"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Ancora bombardamenti israeliani su Gaza e lanci di razzi dalla Striscia in direzione di Israele all'indomani dell'avvio da parte di Israele dell'operazione 'Breaking Dawn'. Non si parla di "calma o mediazione" per il momento e la situazione "va verso un'escalation", hanno detto dalla Jihad Islamica, secondo quanto riporta

al-Jazeera che rilancia notizie dei media palestinesi. Nella notte i militari israeliani hanno arrestato 20 "sospetti" in Cisgiordania, compresi 19 palestinesi "affiliati" alla Jihad Islamica. 

Le forze israeliane (Idf) affermano di essere pronte a una "settimana di operazioni", riporta il Times of Israel. Da ieri pomeriggio, confermano, sono stati lanciati più di 160 razzi dalla Striscia di Gaza in direzione di Israele. Secondo i media israeliani, le sirene di allarme sono tornate a suonare stamani a Sderot e in altre località vicine alla Striscia. 

I militari israeliani hanno confermato raid contro postazioni di lancio di razzi usate dalla Jihad Islamica. Secondo un portavoce militare, dei 130 razzi che hanno superato il territorio di Gaza, dei 160 lanciati in direzione di Israele, il sistema Iron Dome ne ha intercettati più del 95%. "Abbiamo attaccato 40 obiettivi, comprese cinque postazioni per il lancio di razzi e sei depositi o siti di produzione di razzi", ha detto il generale Ran Kochav, in dichiarazioni riportate da Ynet. "Tayseer Jabari non è l'obiettivo finale della Jihad Islamica palestinese", ha aggiunto, citato dal Times of Israel, riferendosi al comandante del gruppo ucciso ieri in un bombardamento israeliano su un appartamento nella Striscia di Gaza.  

I palestinesi confermano un bilancio di 11 morti dall'inizio dell'operazione. Lo riporta l'agenzia Wafa, dopo la notizia dell'uccisione di un palestinese in un'operazione - secondo le fonti locali effettuata con un drone - contro la località di Bani Suhaila, a est di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza. Ieri, secondo i palestinesi, nelle operazioni israeliane è morta anche una bambina di cinque anni.  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002