Cina, ex ministro Giustizia condannato a morte per tangenti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Sab, Ott

Cina, ex ministro Giustizia condannato a morte per tangenti

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - L'ex ministro della Giustizia cinese Fu Zhenghua è stato condannato a morte con l'accusa di aver accettato tangenti e di abuso di potere. Lo ha stabilito il tribunale intermedio del popolo di Changchun, nella provincia di Jilin. Fu era stato anche capo dell'Ufficio municipale della pubblica sicurezza di Pechino e

viceministro della pubblica sicurezza oltre a ministro della giustizia. 

Fu ha approfittato della sua autorità o posizione ufficiale per guadagni personali, ha stabilito il tribunale. Secondo i giudici ha anche illegalmente accettato denaro e regali per un valore di 117 milioni di yuan (pari a 17,3 milioni di dollari) direttamente o tramite i suoi parenti, secondo ai pubblici ministeri. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.