Russia-Ucraina, energia e recessione: l’alibi della tempesta perfetta
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Dom, Dic

Russia-Ucraina, energia e recessione: l’alibi della tempesta perfetta

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Se i problemi si affrontano, c’è la possibilità che possano essere risolti. Se i problemi si sommano, la guerra della Russia all’Ucraina, la crisi dell’energia, la recessione che incombe, c’è il rischio che ci si fermi facendosi scudo con l’alibi della tempesta perfetta.

 

Lo sta facendo l’Unione europea, paralizzata dagli interessi nazionali e incapace finora di replicare la reazione straordinaria messa in campo per rispondere alla pandemia Covid. Lo stanno facendo gli Stati nazionali, a partire dalla Germania, impegnati a difendere posizioni e leadership politiche dentro i confini nazionali.  

Il prossimo governo italiano, a guida Meloni, ha ancora la possibilità di scegliere. E la chiave è la politica economica. Può rispettare le peggiori aspettative e chiudersi in una difesa nazionale, e sovranista, delle promesse fatte, inseguendo consenso immediato e aprendo l’ombrello per simulare un riparo dalla tempesta perfetta. Oppure, può affrontare i problemi, uno alla volta, cercando soluzioni e stimolando, arrivando a pretenderla, una reale coesione europea. Le prime mosse del futuro premier sembrano voler andare in questa direzione, le pressioni che arrivano dal resto della coalizione meno.  

Dalle scelte che saranno fatte nelle prossime settimane, partendo dalla composizione e dalla reale collocazione del governo nel mondo reale, dipenderà il ruolo che l’Italia potrà giocare. Se c’è un’eredità di Draghi, un’agenda Draghi da non rinnegare, è la determinazione a fare le cose per risolvere i problemi. Non è detto che ci si riesca ma è indispensabile provarci. Altrimenti non resta nascondersi dietro l’alibi della tempesta perfetta. (Di Fabio Insenga) 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.