Russia, ambasciatore Razov: "Possiamo usare armi nucleari se c'è minaccia diretta"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Dom, Dic

Russia, ambasciatore Razov: "Possiamo usare armi nucleari se c'è minaccia diretta"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - La Russia può "usare le armi nucleari se si crea una minaccia diretta all'esistenza del nostro Stato''. Sono le parole dell'ambasciatore russo a Roma, Sergey Razov, a Porta a Porta. ''Come ha detto il presidente Putin, difenderemo il nostro territorio con tutti i mezzi e con tutte le forze a nostra

disposizione'', ha detto Razov, sottolineando che ''abbiamo una dottrina militare e in questa si indica molto chiaramente quando è possibile l'uso delle armi atomiche da parte nostra. Una di queste occasioni è in caso di aggressione alla Federazione russa''.  

''Non abbiamo intenzione di partecipare a questa escalation'', da parte russa ''non c'è alcuna minaccia e non c'è alcun ricatto. Abbiamo vari tipi di armamenti, tutto il resto sono speculazioni dell'Occidente e dei mass media''.  

''Possiamo usare le armi nucleari se si crea una minaccia diretta all'esistenza del nostro Stato'', ha proseguito. ''Come ha detto il presidente Putin, difenderemo il nostro territorio con tutti i mezzi e con tutte le forze a nostra disposizione'', ha detto Razov, sottolineando che ''abbiamo una dottrina militare e in questa si indica molto chiaramente quando è possibile l'uso delle armi atomiche da parte nostra. Una di queste occasioni è in caso di aggressione alla Federazione russa''.  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.